CHE DOMENICA BESTIALE…

 

pexels-photo-789296.jpeg

Photo by Anastasiya Lobanovskaya on Pexels.com

Piove. La vita scorre . Cieli plumbei. Noia. Il tempo si dilata. 

Immagini sorridenti di esperti virologi  aggiustandosi qualche ciuffo di capelli e toccandosi la cravatta, finalmente  anche loro in video , sciorinano  informazioni, consigli che prontamente, qualche collega, altrettanto voglioso di comparire, smentisce prontamente. E noi che non sappiamo niente, ma proprio niente di questo micidiale virus, pendiamo  sconcertati dalle loro labbra  stupiti dalle loro diatribe e  ripiombiamo nell’assurda bolla mentale in cui ormai da mesi ci rifugiamo risvegliati spesso  dall’acuto sibilo di ambulanze  che per fortuna se ne vanno.

pexels-photo-3768898.jpeg

Stop al telecomando.

Mi rifugio nel computer e qui, in streaming,  dal teatro Nohma in diretta. Livia Pomodoro con la raffinatezza che la denota, ci offre una Lana Esposito, attrice e cantante, in un inedito ripercorso di vita e di musica di Modugno. Sappiamo tutto del nostro Mimmo nazionale che ai tempi di    -cuore e amore – sconvolse il mondo musicale, persino internazionale, con

Nel Blu Dipinto di  Blu ( VOLARE )

pexels-photo-3696394.jpeg

Photo by Harrison Haines on Pexels.com

Da uno sgabello e con accanto un abile pianista l’interprete ci immerge nel vissuto dell’artista e via via, alternando  brevi racconti inusuali a magistrali

interpretazioni  vocali con il suo evidente carisma,  attanaglia la nostra attenzione  e un pezzo di  domenica cosi’…

Se ne va.

Sulle note  ragtime, blues, soul, jazz   Raphael Gualazzi dal  “Blu note ” sempre in streaming, instancabile al pianoforte , con voce a volte roca , srotola il concerto togliendosi  la giacca per muovere più’ agilmente con tocchi  sapienti, le sue preziosissime dita.

Pezzi suoi, classici del jazz…

pexels-photo-210764.jpeg

Photo by Pixabay on Pexels.com

E’ una Domenica cosi’.

GLI ESAMI NON FINISCONO MAI

Gia ‘nella scuola primaria

pexels-photo-3853300.jpeg

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

apparivano  scogli da superare. Un fiocco azzurro dominava su un grembiule piu’che mai candido  e inamidato ed il tutto  contribuiva  a  dar solennità al passaggio ad una classe superiore.   Selezionavano inoltre, con un esame di ammissione ,  l’ingresso  alla vera  scuola media.

kids-girl-pencil-drawing-159823.jpeg

Photo by Pixabay on Pexels.com

I  nostri governi   si alternano alla velocità della luce e ministri  dell’istruzione si susseguono lasciando tracce  e innovazioni a volte drammatiche .

E con le loro impronte  indelebili passeranno alla storia ?

Esame di maturità .

‘Sfogliavamo avidamente il giornale cercando il nome e la provenienza del commissario esterno.

Nei quindici giorni precedenti   all ‘ inizio dell’esame ripassavamo  dalla ‘álba a notte fonda i programmi dell ‘ultimo anno ed  i  riferimenti   alle materie degli anni precedenti intercalando tazzoni di caffè a sigarette fumate  di nascosto sul terrazzo.

pexels-photo-1595391.jpeg

Photo by Fox on Pexels.com

<  Straordinaria la sua analisi  tra il sesto canto dell ‘inferno  e l’analogo delle altre cantiche dantesche, mi complimento con lei >.

< Ragazze, che botta di fortuna ! >

Il commissario esterno, arrivato da Brindisi a Torino,  era lo stesso professore gesuita   che alcuni anni prima aveva esaminato Dino , il mio fidanzato .

,<  Preparati sul sesto canto dell ‘inferno e….>

Soffiata più che mai opportuna !!!

Ma questa e’ un ‘altra storia.

Ma gli esami non finiscono mai  ”    Eduardo De Filippo ”

Ed ora tocca a  Simone il mio amatissimo nipote

La sua maturità’ inizierà’ fra pochi giorni.

pexels-photo-3985193.jpeg

ragazzi in tempo di pandemiaPhoto by Gustavo Fring on Pexels.com

In piena pandemia da coronavirus nella più totale incertezza organizzativa : aule da santificare , distanze da mantenere, mascherine da indossare , commissari d ‘esame da precettare…

E gli esami …

Immagine

“NOBILTÀ” CH’E’ SI CARA VO CERCANDO

sky-3238050__340Vivevamo in un ‘altra città’. Era una domenica, tarda mattinata. Suona il citofono. Apro ad un inatteso amico, assicuratore, grande affabulatore, sovente primo attore  in spettacoli teatrali amatoriali  che, spesso, suonando il clarinetto, si esibiva anche in un complessino jazz in localini, recuperati da cantine emuli di ” cave ”  francesi  ,dopo un risottino di mezzanotte offerto dall’organizzazione.

Ragazzi ho per voi un’offerta  < bomba >stock-vector-vector-illustration-of-little-princess-text-for-girls-clothes-royal-badge-card-postcard-tag-649211569

Estrae da una capiente cartella un librone con incise parole dorate sulla imponente copertina.  Sorride guardandoci ed esclamathumb-1.jpg

 

< Volete diventare marchesi, baroni, duca, principi? Basta chiedere ! Potete scegliere il titolo nobiliare che piu’vi aggrada ;  ovviamente man mano che si sale nel blasone il prezzo aumenta ma non supera mai un centinaio di migliaia di lire !!! >thumb.jpg

 

 

Io e mio  marito ci guardiamo, forse pronti per scoppiare in una fragorosa risata, ma rispettosi all’ospite, farfugliando, decliniamo questa “generosa “offerta.

Ci  salutiamo proponendoci di rivederci al piu’presto.

Qualche giorno dopo, rapidamente, arriva un invito a cena a casa di questo nostro singolare e simpaticissimo personaggio.

Ci accoglie, trafelata, la moglie scusandosi per aver avuto una giornata faticosa in ufficio.

Ci accomodiamo ed ecco arrivare una camerierina con un vezzoso grembiule  e guanti bianchi esclamando

< Principessa, la cena e’servita .>

Noblesse oblige

 

NARRATIVA ARGENTINA

images-1.jpgLeggevo  Luis Borges, mi immergevo  ancora nella narrativa argentina con Alfonso Bioy Casares ritenendoli gli unici grandi nomi  di quel paese. Ma ecco , per caso, scopro Pedro Mairal. download.jpg

Leggendo < L ‘amante indecisa > rimango soggiogata dalla  eccellenza letteraria e dalla pura invenzione.images-2.jpg

Il protagonista insoddisfatto da un matrimonio  traballante dopo la nascita di un figlio, si immerge in una commedia di inganni.download-3.jpg

Fugge da quella realta’  per reincontrare una giovane bellissima in Uruguay.

Una storia finita per non tornare piu’? …images.jpg

Illusioni idealizzate come nei sogni.? Continua a leggere

ELISABETTA II REGINA

download-3.jpgElisabetta , regina d’Inghilterra, prevalentemente  e’ la Signora Winsor.

Ama gonne sartoriali tweed, foulard, pettinature a caschetto, scarpe lucide con fibbia,e ‘insomma  l’ emblema della signora piccolo borghese con vestiti antiquati download.jpgcon soprabiti in tinta abbinati a cappelli dello stesso coloredownload-1

. Non ha cambiato uno stile di  cio’  < che le sta bene > sentimento, pare , comune alle donne britannicheimages.jpg

Leggendo cio’che di lei dice una scrittrice inglese, chiaramente repubblicana,

disapprovava gli amici  famosi della sorella Margaret, non sopporta persone in lacrime ai suoi cancelli, non gradisce  dai suoi cuochi piatti elaborati , ne’  approva nuore irrequiete…

Assapora  torte di tutte le qualita’ non disdegna qualche goccetto di gin e , purche’comodamente seduta sul suo divano , guarda soap opera e repliche di show.download-5.jpg

Coccola cani, non levrieri, ma corgi piccoli e massici con zampette tozze e code cespugliose.

Ama i cavalli, ma non stana volpi con mantelle regali svolazzanti…images-1.jpg

Nel passato non mi sovvengono simili regine,  nemmeno nelle favole …

Ha 92 anni e’fotografatissima

Elisabetta, gia’ da piccola  (  nelle foto ) aveva un’aria assennata, anziche’ in abiti di seta e merletti , poco convincenti, comparendo in divisa da ausiliaria  images-2.jpgesprimeva cosi’ un visibile senso di dovere.download-6.jpg

Bramava gia’alla mezza eta”

Elisabetta vive come una persona comune e nell’immaginario collettivo e ‘una distinta piccola borghese.download-2.jpg

E con quest’aria da signora Winsor continua a mantenere popolarita’.

Ed Elisabetta II, regina d’Inghilterra eccola seduta , in prima fila, accanto ad Anna Wintour, mitica direttrice di Vouge, ( Il diavolo veste Prada ) per seguire la sfilata dello stilista emergente Richard Qinn…921522670.jpg

Si ispirera’ ?…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Richard Quinn

 

 

 

 

 

 

 

VITE ADOLESCENZIALI INTERROTTE

A sedici anni non si può morire per mano di un insano “amore”.

 

Rabbia, noia, frustrazione ?

Sono questi elementi che spingono baby gang di ragazzini, adolescenti, a distruggere opere pubbliche, segnali stradali, cassonetti?

Giovani praticano estorsioni, pestaggi, violenze psicologiche nei confronti di coetanei piu’deboli.

Giornali e televisioni ci propinano ogni giorno fatti e misfatti analoghi.

A diciasette anni uccide la fidanzata di sedici occultandola,  dopo averla lapidata , tra i sassi dei muretti a secco nella campagna salentina. Il ragazzo, cosi’ si legge, era conosciuto come un violento; era in cura per uso di droghe, pur non avendo la patente si vantava di guidare regolarmente la macchina e la fidanzatina, innamoratissima di lui, gelosissimo, subiva abitualmente violenze…

L’adolescenza inizia col cambiamento ormonale e fisico della pubertà’.

Sakespeare, nel “Racconto d’inverno”cosi’descrive l’adolescenza :

“Vorrei che non ci fosse eta’ di mezzo tra i dieci e i ventitré’ anni o che la gioventu’ dormisse durante tutto questo intervallo…”

Gia’ 400 anni fa Sakespeare descrive l’adolescenza in modo analogo a quello dei nostri tempi.

Lo spiccato gusto per il rischio, lo scarso controllo degli impulsi, l’imbarazzo non dovrebbero essere visti come problemi, bensi come opportunita’ nell’ educazione e nello sviluppo sociale degli adolescenti durante i cambiamenti che  avvengono nel cervello in quella fase particolarmente adattabile e malleabile.

Spesso genitori ed insegnanti non hanno le competenze per affrontare ed agevolare questo passaggio transitoria della vita.

Ed ecco comportamenti  falsamente trasgressivi, fughe da casa, furti nei grandi magazzini, abuso di sotanze stupefacenti, sesso non protetto, stati depressivi, disturbi psicologici, e…  e…

Ed alcuni passano alla devianza, alla criminalita’.

spesso appartenendo a famiglie incoerenti…e annoverando insuccessi scolastici…

L’adolescenza: l’eta’degli elefanti in equilibrio su un filo.

 

 

 

 

 

STUPRO E CULTURE DIVERSE

volare2520chagall-330x242-1.jpg

La vita non funziona sempre come la si programma,  bisogna convivere con le incertezze e fare i conti con gli imprevisti,  accettare con filosofia le avversità’.  E’ un  gran bell ‘esercizio…

Ma gli obbiettivi sono il sale della vita , proseguirli e raggiungerli serve per sentirsi vivi, ma questa e’ un ‘altra storia, tutta mia,  personale.

Leggendo il “Caffè'” accattivante rubrica sul Corriere della Sera di Massimo Gramellini scopro riportate le esatte  parole, a dir poco allucinanti, di Abid Joee, studente di giurisprudenza a Bologna  e <mediatore tra culture distanti per favorire l’inserimento di immigrati > regolarmente pagato, che su Facebook cosi’ sentenzia commentando lo stupro avvenuto su una spiaggia di Rimini da una banda di violentatori.

“Lo stupro e’ un atto peggio, ma solo all ‘inizio, poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale”

Ovidio, autore latino nel suo trattato “Ars Amatoria ” affermava che le donne amano

subire violenza.

E via via nei secoli la cultura dello stupro e’ una “modalità’ “di conquista della donna…Unknown.jpeg

Tempi andati

Gli effetti psicologici oltre che fisici dello stupro sono confermati da illustri medici: depressione, ansia, disturbi da stress post traumatico e tentativi di suicidio ed complicazioni come una gravidanza, malattie a trasmissione sessuale e disfunzioni sessuali

Le conseguenze psicologiche permangono nella mente della vittima a lungo.

La violenza sessuale su un corpo di una persona e’ancora oggi il reato meno denunciato…

Unknown-1.jpegEducare  Educare :imperativo categorico !!!

Anche nella nostra società’  l’ educazione deve partire dalla famiglia e la scuola consolidera ‘ i principi etici, le regole di buona condotta, il rispetto dell’altro e la capacita’ di stare insieme.

In famiglia gia’ con i piccoli bisogna evitare visioni di film violenti, partecipare a giochi aggressivi e privi di moralità’, non fare distinzioni di ruoli in casa tra maschi e femmine, necessita dar loro le stesse opportunità per avere parità di diritti e dignità tra uomini e donne.

Il mondo attuale e’ contraddistinto da un ‘estrema mobilita’.

Ci sono i “roamer” che impostano la loro vita e l’intera esistenza lavorativa e personale in modo consapevole e senza alcun vincolo geografico e non ritornano nel paese in cui sono nati.

Gli immigrati tendono a creare un legame con una specifica nazione.

Gli espatriati, dopo un po’ di anni,  sono inclini a rientrare nel loro paese d ‘ origine.

Unknown-2.jpeg

Urge puntare essenzialmente ad una integrazione culturale educando alla convivenza attraverso la valorizzazione delle diverse identità’e radici culturali comparando le diverse culture attraverso la conoscenza e i diversi usi e costumi e stili di vita.

 

 

ASSICURAZIONE SI MA NON A MIA INSAPUTA

images-3La porta blindata di una prestigiosa ditta tedesca, indice di notevole sicurezza per impedire intrusioni di persone indesiderate era la garanzia che mi faceva dormire sonni tranquilli, dopo un disastroso furto nel mio appartamento.

Ma questa e’un ‘altra storia.

Ma l ‘imprevisto e’sempre in agguato…images-1

Un brutto giorno all’improvviso si concretizza. Rientro uno strano ‘clic ‘mi fa  riavvicinare alla porta, cerco di girare la chiave per riaprirla, ma ci credereste, non si sposta ne ‘a destra ne’a sinistra. La porta e’bloccata, non c’e ‘verso di riaprirla, la serratura non ne vuol sapere, la chiave non ruota nonostante i miei sforzi.

Cerco di mantenere la calma. E’un sabato pomeriggio. Incomincio gia’a soffrire di claustrofobia…Mi dico < respira, respira fondo, ripesca una formula yoga per rallentare i battiti cardiaci > la situazione non migliora. Pesco in un cassetto un lubrificante ne spruzzo una quantità notevole, riprovo a rimaneggiare : non succede nulla!!!

Conflitto degli ingranaggi?images

Ma c é’internet !

Ci sara’qualcuno  a cui e’successo un analogo problema. Una soluzione ci potra’essere. Antonella, mia figlia, altrettanto preoccupata per la situazione in cui ci troviamo, suggerisce < Chiama i pompieri >

Dico io < sto leggendo sul computer i  suggerimenti per sbloccare la prestigiosa  serratura tedesca >

Uno e’certo del mancato allineamento delle due sezioni del cilindro…

Io non ho mai visto un cilindro ne tantomeno le sue sezioni…

Ma continuo a leggere…

Dotarsi di tre chiavi : alla prima tagliare la lama di sinistra, alla seconda la lama di destra, inserire la prima modificata e provare ad effettuare un giro; lo stesso procedimento con la seconda e quindi con la terza, integra ,fare un podi giri sino a quando la serratura non riprende a funzionare…images-6

A questo punto, allibita, ritrovo la cartellina con i numeri telefonici di chi mi aveva montato la porta blindata.  Oh, meno male , un po’ di fortuna !  Ci sono tutti i numeri necessari per contattare l’artigiano, persino il suo cellulare!!!

Ma e’sabato pomeriggio : al negozio nessuno risponde,  ne tantomeno al cellulare. Cerco allora  numeri per interventi d’urgenza . < Lasciate il vostro messaggio e sarete richiamati >

Aspetto, ma nessuno mi richiama.images-5

Telefono allora ad un mio famigliare abbastanza in zona che si precipita ed  anch’egli dall’esterno con la chiave inutilmente prova a riaprire la porta.

Riesce finalmente a parlare con un cellulare di pronto intervento, ed e’un vero pronto intervento tant’e’che la persona concretamente si materializza guidata da mio genero.

Tentano e ritentano invano : la serratura non ne vuol sapere di aprirsi.images-2

Basterebbe conoscere un ladro, visto i continui furti negli appartamenti,  dico tra me e me.

Al di la’ mi dicono  < Bisogna rompere e serve  una presa di corrente per collegare il trapano  >

.Il fine settimana incombe. Bisogna scendere di un piano per trovare un’anima pia che ci possa collegare con l’elettricità’ per far funzionare il trapano . E per un paio d’ ore rumorosamente il fabbro lavora. Nessuno esce per chiedere che cosa stia succedendo. Siamo a Milano …Rimpiango  la provincia…

Un buco notevole appare e la porta si apre

< Lunedì tornero’ con una nuova serratura e restaurero’ la parte rovinata > Sentenzia il fabbro.

Tra una cosa ed un’altra il costo sara’di  ottocento euro.

Mi si accende una lampadina :ho una assicurazione” full casa”.images-4

Per aver un eventuale rimborso, mi informa l’agente subito interpellato, avrei dovuto chiamare il pronto intervento convenzionato con l’agenzia assicurativa…

Assicurazione si !!!

LIBERTÀ’

Vorrei essere libero, libero comeimages-5

un uomo,

come un uomo che ha bisogno di

spaziare con le proprie fantasie e che

trova questo spazio

solamente nella sua democrazia

Cosi’ cantava Giorgio Gaberimages-1images-4

Erich Fromm

” La maggior parte della gente non si rende nemmeno conto del bisogno di conformismo. Vive nell’illusione di seguire le proprie idee e inclinazioni, di essere individualista,  di aver aggiunto da se’ le proprie convinzioni e si da il fatto che le sue idee siano le stesse della maggioranza”images-3

Senti di avere  liberta’ se puoi far le cose divertenti che ti fanno star bene, se puoi comperare le cose che ti sembrano migliori, se puoi viaggiare nel mondo nel modo che tu credi piu’interessante, se puoi fare il lavoro che piu’ti piace, se puoi dire cio’ che ritieni giusto, se puoi vestirti come vuoi…

Segui una tua religione? Ma e’quella dei tuoi genitori o dei tuoi conoscenti.

Di solito ci concentriamo sulle cose che possiamo fare o su le cose concrete da realizzare?

La liberta’e’fare o scegliere?

Il “libero arbitrio “esiste o le nostre scelte sono determinate da fattori ambientali o genetici?images

L’ “arbitrio  “e’la capacita’ di scelta nell’operare, nel fare, nell’agire, nel comportarsi

” libero ” : non soggetto all’autorita’altrui ha facolta’di agire senza subire coazioni esterne  che ne limiti materialmente e moralmente la volontari i movimenti : uomo libero.

Dante ci insegna che la liberta’e’alla base della dignità’ di ogni uomo e ci permette di compiere scelte affermandoci unici, diversi da tutti.

Ma molti, pur avendo la facolta’di scegliere decidono di rinunciarci perdendo dignita’ e responsabilità’images-6

Molti non scelgono tra bene e male, non scelgono in che religione credere, non scelgono di votare, si lasciano corrompere e lasciano decidere ad altri sulla propria vita.

Inconsapevolmente scelgono di non scegliere

lasciando ad altri le proprie responsabilita’images-7

 

 

OBSOLESCENZA

< Ho qualche problema col mio computer>SAN DIEGO, CALIFORNIA, US - MARCH 11, 2007: The world's oldest a

<E chi non ce l’ha > Con queste parole mi accoglie un giovanottino nel sui negozio  sfidando, con una luminosa insegna, la ormai diffusa concorrenza di”competitor”cinesiimages-1. Dopo averlo estratto dalla valigetta lo esamina lo controlla e <E’vecchiotto ha certamente piu’di cinque anni > commenta.

blocked.jpg < Si, dico io , ed e’stato acquistato in America,  solo da poco non mi compaiono delle pagine > e soggiungo timidamente  <forse e’da aggiornare, cosi’mi hanno  consigliato i miei nipoti tecnologici >

<Signora, il problema si risolverebbe per un po’ma in seguito …In verita’ e’ obsoleto

.images-3Sa cosa le dico, continui ad usarlo per quel poco che puo’…>

Obsoleto, dal latino ” obsoletus “participio passato di obsolescere, andare in disuso,  in parole povere antiquato, sorpassato quindi,  vecchio : e’un prodotto superato da altri piu’ moderni.images-2

 

Scopro quindi che Apple non offre piu’ assistenza a prodotti la cui costruzione e’stata interrotta piu’ di sette anni fa. Il computer non supporta i nuovi programmi, i nuovi sistemi operativi : il softwasore, e’in continuo aggiornamento.

Il “blocco telefonico “a cui era affidata la sicurezza sulla tratta ferroviaria Corato- Andria sulla quale ci fu uno scontro drammatico tra due convogli e’obsoleto e non e’piu’riconosciuto come sistema di sicurezza1479741066977_scontro-treni-blocco-telefonico-obsoleto_videostill_1

What – sapp non funziona? Il telefono e’inevitabilmente un modello di fascia bassa non rimane che cambiarlo…images-4

Un floppy e’diventato un CD, un CD si e’evoluto in DVD. Una chiave ora e’una scheda di memoria; un I- POD ORA E”UN i- PAD.

Avevo un vecchio televisore, funzionava benissimo. Improvvisamente non arrivava piu’il segnale. < Acquisti un decoder >

Ed ora, se avete di gia’acquistato un televisore 4 K e pensate di essere piu’che mai aggiornati, vi sbagliate, cambieranno le frequenze un’altra volta. Il governo per  svecchiare il sistema, rendera’fuori legge questi ultimi apparecchi

<Comnperate un altro decoder!!!>

Un telefono non e’piu’un telfeono, bensi’ un  “prsonal computer.”

Il settore inofrmatico nello stesso arco temporale ha generato continue innovazioni radicali.

E’iniziata una nuova era che condiziona sempre di piu ‘la nostra societa’, i rapporti umani e le condizioni sociali economiche del mondo intero.

E’l ‘era digitale. Nuovi linguaggi, nuovi sistemi di comunicazione nuove norme che coinvolgeranno il mondo intero.

Il mercato del lavoro “obsoleto “rigido, governato da raccomandazioni e clientelismi non esistera’ piu’ images-6

Sorge quindi un nuovo mercato del lavoro offerto dalla nuova tecnologia dall’informazione privilegiando intelligenza, creativita’, iniziativa.

E’in atto una rivoluzione con radicali cambiamenti di cui sono protagoniste grandi masse; mutazioni forse piu’ significative della” Rivoluzione Industriale “del diciottesimo secolo…images-7

Ed io mi rifugio allora nel “Vintage “” in oggetti di annata, pur di produzione antica, ma che conservano funzionalita,’ caratteristiche , persino superiori ad oggetti contemporanei…images-8

A MILANO

A Milano, a Milano, a Milano!!!

imgres-1Arrivano da ogni dove  in questi giorni prossimi al Natale. Russi, inglesi, giapponesi , arabi, intercalati da signore” parvenu ” avvolte in  zibellini sminuiti da scarpe da tennis sberluccicanti. Dal metro’  emergono  flotte di persone sbigottite alla ricerca di doni particolari  nei negozi esclusivi.imgres

Passeggiano nel quadrilatero della moda personaggi piu’o meno famosi speranzosi

di un flash di qualche paparazzo , preventivamente informato.images-4 E prontamente e’ricomparsa la nebbia, ovvero il nebbione che  si ” taglia col coltello “da anni ormai latitante

Freddo pungente.images-5

E mi sovvien l’immagine di Toto’e Di Peppino nel film “Toto’ Peppino  e la malafemmina”, arrivati  a Milano bardati  e ricoperti da colbacchi siberiani.

E voila’provvidenziali copricapi, berretti, cappelli di ogni forma ci riscaldano. Sguardi lividi si incrociano in queste vie anche quest’anno sfavillanti per le festivita” imgres-4

A Milano si, bisogna soffermarsi  ancora,  in questo fine anno, e sbalordire alla munficenza e  alla spettacolarita’ delle vetrine di Dolce Gabbana .

Qui appare un presepe sormontato da fluttuanti angioletti con personaggi  di colore… Scarpe di velluto poggiano su sontuosi troni dorati. Tavole esplosive  per la varieta’di cibo su preziose tovaglie  si ripresentano in piu’vetrine . Mi sfuggono i prezzi : non ho a portata di mano i miei occhiali. Ma questa e’un ‘altra storia.imgres-3images-3images-1

 

GIOVINEZZA ETERNA ?

ahr0chmlm0elmkylmkzpmc53cc5jb20lmkzibg9nlmnsaw9tywtldxauy29tjtjgd3aty29udgvudcuyrnvwbg9hzhmlmkyymde2jtjgmdelmkzjbglvbwfrzxvwlxnvzmlhlxzlcmdhcmetz29szgvulmpwzwE’una giornata uggiosa: cielo grigio piombo inquinamento alle stelle, ombrelli sempre aperti qui al nord. Dal sud, con l ‘ arrivo di una imprevista corrente africana , ci arrivano immagini di bagnanti  crogiolati al sole dopo un tuffo ristoratore…Sfoglio svogliatamente dei giornali femminili .Interviste piu’o meno interessanti si susseguono.images-6

Mi colpisce, in ogni tabloid, il ripetere di foto di splendide ragazze , di fotomodelle, di attrici: pervade una perenne giovinezza. L’eta’ media non supera mai  i trent’anni.images-1

Simona, mia figlia, periodicamente, arriva stracarica trasferendo giornali di ogni tipo a casa nostra. Il tavolino del salone in un attimo e’ simile a quello analogo di un dentista.images-5

 

Tralascio, per concentrarmi piu’tardi, le copie di “internazionale” o quelle dei “venerdi di Repubblica” e mi rituffo  nell’osservare queste  immagini di una perenne giovinezza. Per queste pubblicazioni il tempo dell’umano e’bloccato tra i diciotto e i trent’anni.images-3

“Qunant’e ‘bella giovinezza,

Che si fugge tuttavia!

Chi vuol esser lieto sia

Di doman non v ‘e ‘certezza”

(Lorenzo de ‘Medici Canti Carnascialeschi, Canzone di Bacco)

Il prima e il dopo non esistono.240px-lorenzo_de_medici

Camminando, anni or sono per Tokyo, notavo per le vie o nelle metropolitane l’assenza di persone anziane. L “umanita’di quella citta’era solo dei giovani.

Ed ora sto pensando la stessa cosa.

Eppure la nostra societa’italiana  si vanta di una poplazione ormai longeva…images-5

Il tempo non scorre piu’. Bisogna fermarlo ad ogni costo. Le immagini ritoccate piu’o meno da fotoshop devono sprizzare  giovinezza ad oltranza. E vai con chirurgia plastica, e vai con botulino per ingannare l’andare inevitabile del trascorrere degli anniimages

Una leggenda narra che nella Grecia antica i cultori della dea Era, annualmente si immergevano nella fonte di Kanathos, nel Peloponneso, per rimanere eternamente giovanibianca-balti-tim

MELODIE CLASSICHE NAPOLETANE

“”Uno splendido settembre ci avvolge in questo estremo angolo orientale del Salento. Precipitazioni violente ed improvvise bombe d’acqua non ci appartengono. Un mare trasparentissimo caldo illuminato da un cielo terso ci accompagna verso un ancor afoso autunno.

Marino Cogliani

Marino Cogliani

Una suadente voce sulle note di un antico motivo napoletano del settecento, ci accoglie arrivando nella piazzetta di Serra Alimini uno. Marino Cogliani , con la sua chitarra, accompagnato dagli accordi del figlio, ormai abile musicista, ci immerge in melodie del passato. Poesie, versi d’amore,  delusioni, ricordi  : temi sviluppati sulla  musicalita’della canzone napoletana classica, si susseguono. Ed ecco riaffiorare in una poesia melodicamente accurata, la struggente nostalgia di Vietri di un esule’ a Mestre.

Ed una “Tammuriata irrompe sulla  sonorita ‘delle due chitarre.accompagnata da un improvvisato  coro degli ospiti del villaggio

.Ed un deluso innamorato tradito da una faccia d’angelo inveisce in ‘Malafemmina “di Toto’toto01-150x150

Anche quest’anno il dottor De Santis, mecenate nonche’ amministratore, di Serra Alimini uno, regala ai vacanzieri settembrini, una serata musicale raffinatissima in una piazzetta gremita da clienti eterogenei, ma coinvolti emotivamente.391198-980x571

E con le note di < Generale > di De Gregori, lo chansonnier sottolinea  gli orrori e la inutilita’delle guerre

Un richiamo struggente alla pace in questo mondo ormai dominato da atrocita,’ guerre e violenze omologate e spettacolarizzate dalle immagini televisive

 

 

 

 

UNA SERATA PARTICOLARE

violinista Marcello Baldassarre

violinista
Marcello Baldassarre

Seduti nella piazzetta di Serra degli Alimini 1, oppressi da uno scirocco dominante, puntuale come si esige nei migliori teatri, il violinista Marcello Baldassarre, titolare della cattedra di violino del Conservatorio di Lecce ”
Tito Schipa”, ci delizia con un incredibile concerto inaspettato per un villaggio vacanze. .Maneggiando con maestria il violino, con movenze sinuose, assorto nella musicalita’, accompagnato da un silenzio collettivo,sviluppa un accattivante concerto spaziando da temi lirici a pezzi classici a refrain notissimi.

John Lennon

John Lennon

E sulla dolce melodia di< Imagine > diJhon Lennon ,sognando un mondo di pace, penso a quelle povere e disgraziate persone approdate in queste notti anche qui, sulle coste del Salento fuggendo da guerre interminabili e da miserie indicibili.
La copertura della piazzetta ci regala un’acustica quasi perfetta ed il maestro con grande professionalita’, ignorando il chiacchiericcio di giovinastri supertatuati con chiome fornite di creste svettanti emuli di famosi calciatori ,continua il suo splendido concerto offrendo emozioni a piene mani.
Qualche bimbetto,sgaiattolando tra le sedie, si blocca, guarda, ascolta, si emoziona? Crescendo ricordera’?
Scrosci di applausi sottolineano l’esecuzione di ogni pezzo.
Due ore son volate.
Il maestro conclude con” la marcia di Radetzky “e tutti noi, in piedi , con le mani accompagniamdo il ritmo sogniamo di partecipare al concerto di Capodanno a Vienna.

Concerto di capodanno a Vienna

Concerto di capodanno
a Vienna

Il violinista sorride ai nostri ringraziamenti.
E lo sponsor, il gioielliere De Giorgi, inorgoglito, giustamente, per la riuscita della serata, si guarda attorno soddisfatto forse pensando che la cultura emoziona anche in luoghi non canonici…

 

MA TU VULIVE ‘A PIZZA…

la bella idrusa Otranto

la bella idrusa
Otranto

f

Sollecitati da un tramonto “africano ” abitualmente ricorrente nel Salento, ad unisono i miei due nipotini, si fa per dire, ormai giovanottoni, mi indirizzavano alla ” Bella Idrusa”, nota per strabordanti e saporitissime pizze. Ma questa e’ un ‘altra storia.
Ed il simpaticissimo Aurelio Xierro, nel passato , celebrava questo piatto internazionale cantando “E tu vulive a’pizza- a pizza- a pizza…”

La Bella Idrusa Otranto

La Bella Idrusa
Otranto

Con un milione di firme  la pizza, marchio di italianita’nel mondo e’ strumento di riscatto sociale ed ambisce ormai
all ‘ingresso nei patrimoni dell ‘Umanita’Unesco.

Quotati professori dell’Universita’di Milano  evidenziano  come i pomodori, l’olio d’oliva ovvero tutti gli ingredienti di questo piatto saporitissimo, riducano rischio di tumori. L’ effetto benefico diminuirebbe del 25% del rischio di ifnarti.
La pizza ha antenati antichissimi; soltanto nel diciottesimo secolo sulle nostre tavole arriva il pomodoro. Ed ecco finalmente la classica napoletana col cornicione alto, la “margherita “col fior di latte di vaccina.
Per una perfetta cottura col raggiungimento di calore necessario per gonfiare a regola d ‘arte il cornicione, serve un forno a legna acceso gia’nelle prime ore del mattino.
Appena cotta, per assaporare e gustare gli aromi sprigionati dalle sostanze volatili generate dalla lievitazione, va mangiata immediatamente.
Non disdegnamo, per evitare sprechi, di fornirci di una scatolina per recuperare quello che nessuno ha mangiato e gustarcelo pur riscaldato…
Ed in Messico a Cancun ne assaporammo una farcita con un esotico ananas;
all’uscita ci offrirono un inaspettato take away con le rimanenze: le gustammo in hotel.
Pizzaioli, a Tokyo, con occhi a mandorla, dopo prestigiosi e scenograici voli dell’impasto ce ne consigliarono una da far invidia a mani esperte italiane:l’insegna accattivane era “Bella Italia”images

TASTIERA DEL COMPUTER … DISLESSICA ?

imagesIn piena estate in un paesino con panorami” simil Svizzera”, dopo una lunga pausa
tento di scribacchiare qualcosa . Un tasto si ribella : per un controcircuito? images-2
Cerco di analizzare le molteplici inxormazioni ( in questa parola manca proprio la lettera incriminata) su internet per capire l’improvvisa “dislessia “della mia tastiera. Chi suggerisce di smontare il tasto”ribelle” chi invece, saggiamente consiglia di rivolgersi a personale specializzato per evitare ulteriori e peggiori danni.images
Un provvidenziale bigliettino recuperato dal macellaio mi inxorma di un Mario
pronto a risolvere ogni riparazione al cervello elettronico.
Lo raggiungo

Il suo sorriso e la sua sicurezza predispongono ad un soddisxaccente risultato.images-3
Ahime’ Íl suo ottimismo si scontra con questo elaboratore acquistato in America ormai, a suo dire, obsoleto…
Cosi’ mi aggiorna con l’ última teleonaimages-1ta.
Tristemente e axxranto me lo consegna, come si puo’ vedere,
ancora dislessico…
Uso ormai una x per sostituire la lettera mancante del bizzarro tasto inutilizzabile…

IL SOGNO … EUROPA

images-4Numerosi disperati desiderano arrivare qui da noi per sfuggire,  costernati,  chi alla fame chi alla guerra.images-6
Ma molti paesi, preoccupati   chiudono le frontiere, dichiarano il tutto esaurito abbandonando Italia e Grecia alla loro sorte..images

Gli abitanti delle zone piu’ disgraziate del pianeta sanno  come si vive nei paesi piu’ fortunati del mondo, l’hanno visto in tv.images-7

Come si puo’ escludere chi , esponendosi a rischi di ogni genere, arriva ai confini del nostro paradiso?images-5

 

La casualita’ ha fatto nascere queste masse nell’orrore.images-3

Ed e’ insopportabile per queste genti sapere di un altrove dove e’ in atto l’eta’dell’ oro…images-1

Molti paesi europei, fornendo uno spettacolo dolorosissimo, impediranno a questo numero sterminato di partecipare all’ eden televisivo e non sara’ un bello spettacolo: loro e i loro figli non assaporeranno nemmeno le briciole…images-2

ALLA RICERCA DELLA FELICITA’

images-5          

Pare che il popolo danese sia il piu’ appagato .

Noi italiani, da una ricerca dell’ Onu sprofondiamo al cinquantesimo posto.images

Quale sara’ il segreto della felicita’?

Un sostanzioso conto in banca? Un amore vero? Un lavoro appagante? Un viaggio a lungo sognato?

La piu’ grande soddisfazione  verra’ sempre dall ‘ esterno?

Il segreto sta nella nostra mente capace di modificare la percezione della realta’images-3

Un autorevole studioso della coscienza Alan Wallace, dell’universita’di Pisa  con otto passi descritti  nel Cultivating Emozional Balance suggerisce di guardar dentro di noi per raggiungere uno stato di serenita’  trasormando le nostre emozioni in consapevolezza.

Stabilire di raggiungere la felicita’ponendosi degli obiettivi eliminando ogni cosa illusoria.images-4

Sei triste, ti arrabbi, non cercarne il motivo . Calmati, ascoltati respira e guarda l’ émozione senza giudicarla e senza trattenerla. creando uno spazio tra te stesso e quello che provi

Ogni giorno deve essere il primo giorno della nuova vita restando saldamente radicati nel presente.

Porsi piccoli obiettivi facili da raggiungere e poco alla volta a piccoli passi si possono modificare tante piccole cose: non e’ necessario puntare a cambiare il mondo!images-2

Dare spazio alle emozioni positive elencando in un diario almeno cinque motivi per cui ti senti riconoscente.
Da importanti studi la sede della felicita’si trova nella regione prefrontale sibnistra del cervello, incrementandone l attivita’affievolisce l áttivita’ cerebrale prefrontale destra sede delle emozioni negative primarie( rabbia, paura)

L’ attivita’ fisica,senza stress costante e non competitivo da serenita’

Vivere in sintonia con la natura aumenta l’autostima, la creativita, ‘l’entusiasmo, la vitalita’e maggior resistenza allo stress.images-1

 

 

EMOZIONI

imagesIl grande Giorgio Albertazzi se ne e’andato.

Memorabile la sua interpretazione del sonetto 43 di William Shakespeare:

“Quando piu ‘chiudo gli occhi, e allora meglio vedono, perche’ per tutto il giorno guardano cose indegne di nota; ma quando dormo, essi nei sogni vedono te, e, oscuramente luminosi, sono luminosamente diretti nell’oscuro. Allora tu, la cui ombra le ombre illumina, quale spettacolo felice formerebbe la forma della tua ombra al chiaro giorno con la tua assai piu’ chiara luce quando ad occhi senza vista la tua ombra cosi’splende!

Quando, dico, benedetti sarebbero i miei occhi, guardando a te nel giorno vivente, quando nella morta notte, la tua bella anima imperfetta, attraverso il greve sonno su cechi occhi posa!

Tutti i giorni sono notti a vedersi, finche’non vedo te, e le notti giorni luminosi, quando i sogni si mostrano a me.

Sonetto 43

di

93504_32shakespearegettyWilliam Shakespeare

 

A MAGGIO NEL SALENTO

21449416-Gabbiano-che-vola-sul-mare-Egeo-con-le-isole-greche-in-fondo-da-qualche-parte-in-Grecia-Archivio-FotograficoA piedi nudi in una splendida mattinata di Maggio, cammino su una sabbia finissima.images-4

Un cielo terso, un mare scintillante accarezzato da iridescenti  ed intermittenti luminosita’ ed onde che pigramente si srotolano  adagiandosi sulla battigia con una scia spumeggiante,  mi accompagnano in questo mio andare.images-1

Sonnecchia la macchia mediterranea appollaiata sulle dune che incorniciano l’ ampia baia di Serra Degli Alimini ad un passo da Otranto.

Esplodono accarezzate dai  raggi mattutini di un sole avvolgente, fioriture coloratissime inaspettate  tra questa  florida vegetazione. Il silenzio domina.dune-con-i-fiori-40481016

Lo sguardo spazia  in un orizzonte azzurro infinito e mi immergo in una appagante serenita’.pro61

La luce intensa mattutina mi rassicura  in questo piacevole passeggiare in solitudine.,images-3

Tremuli voli di rondinini  volteggiano.

Ed  un gabbiano  si dirige indisturbato verso quel che resta di una torre di avvistamento di un lontano passato di invasioni…images

Lascio orme che prontamente si cancelleranno.images-5

” MENTRE MORIVO ” DI WILLIAM FAULKNER

William Faulkner,images-1

premio nobel per la letteratura nel ‘ 49, cura stile e linguaggio meticolosamente, in opposizione a quello conciso e minimalista di Hemingwy.

Nel libro < Mentre morivo >, con stile ostico narra , tragicamente e drammaticamente,il viaggio di una famiglia di contadini per seppellire la madre morta nella sua lontana citta’ natale.

Caricano la bara su un carro sgangherato sempre sul punto di sgretolarsi.

E’un ‘odissea funestata da un diluvio che annienta strade e ponti unita all’odore di morte emanato dal cadavere.

Tensioni si accavallano a rancori sopiti e a segreti dolorosi,

Le paure, i meschini obiettivi si srotolano investendoci come la piena del fiume. E’un grottesco funerale di un marito e dei suoi cinque figli, in una torrida estate..
E’un poema epico in cui amore, odio,tradimenti, pentimenti, nostalgie, vendetta si accavallano.

I personaggi, rozzi contadini, come tali si esprimono e lo scrittore usa immagini a tinte forti con una enorme potenza drammatica.

E’uno stile ostico, ma vi assicuro, dopo le  prime venti pagine, si prosegue speditamente.

C’e’ un padre ingobbito e senza denti a cui la moglie dara’ altri due figli dopo Jewel, per annullarne l ‘ adulterio.

Un figlio falegname costruisce la bara di fronte alla madre morente’.

La figlia femmina nasconde una gravidanza

Il piccolino assiste l’orrore della sepoltura

Un insieme devastante.

“Ci vogliono due persone per farti,

e una per morire.

E” cosi’ che il mondo finira’ “images

 

 

RILEGGENDO ” LO STRANIERO “

imagesI festeggiamenti per i  compleanni primaverili si sono conclusi qui in casa tra figlie, generi, nipoti cresciutissimi, con flessuosi  abbracci intercalati da prevedibili accenni sull’andare del tempo. e sui cambiamenti dei toni vocali dei ragazzi. E la giornata se ne va. col sopraggiungere ,data l’eta’, di un acuto mal di schiena.

Non mi resta che accoccolarmi nella mia provvidenziale poltrona  preferita e tuffarmi nella lettura
Sfoglio il mio kindle.  Riaffiora “Lo straniero’ di Albert Camus . Voglio rileggerlo per assaporare  con piu’ attenzione la scrittura di questo sensazionale  autore.

<Oggi la mamma e’morta. O forse ieri, non so >

Il protagonista, un modesto impiegato, con queste parole sconcertanti, e con la stessa laconicita’ affronta ogni episodio della sua vita sino ad un epilogo tragico, ma egualmente vissuto in modo attonito. Vive la sua esistenza tra apatia e disinteresse: e’ “straniero “rispetto al mondo che lo circonda e alla societa’ borghese di cui non condivide ne’valori ne’ la morale. Attraversa l ésistenza passivamente con totale assenza di emozioni.E “uno straniero nella vita; la sofferenza non produce lacrime, la gioia non la esprime con sorriso, non prova empatia. Subisce la vita vittima delle persone che lo circondano, veri artefici della sua esistenza , non lui.

Come puo’ essere costantemente indifferente a cio’ che accade? Nel protagonista un sussegursi di emozioni non emozioni fluttuano l’indifferenza del mondo a volte assoluta e bruciante.

E’uno straniero estraneo a tutto, isolato nella sua indifferenza, inerme , ma anche inerte.

Camus, premio nobel nel ’57, scrittore e filosofo,francese nato in Algeria tra gli arabi, straniero anch’egli,  con questo libro, capolavoro del novecento, sottolinea l’ estranieta’dell’ uomo dalla societa’e dal mondo intero. L’ uomo e ‘ insanabilmente solo e Camus e’ consapevole di questa verita’ negativa.images-1