COME VOLA IL TEMPO

Francesca con Chiara

Francesca con Chiara

Eri cosi’ soltanto ieri,

cucciolotta in vacanza ad Alimini.

Arrivavamo in aereo e tu seduta sempre accanto all ‘oblo’guardando le nuvole simili a bambagia esclamasti : “Allora le nuvole sono vere!”

Osservavi in silenzio l ‘andarivieni delle hostess, disegnavi tranquilla indifferente ad improvvisi strilli di lattanti presenti nell’aereo.

In piscina seguivi le prime lezioni con Federico, scivolando adagio con la testa

sott ‘acqua recuperando sassolini variamente colorati e con lui ti avviavi all’amore per

l’acqua del mare e alla passione del nuoto perfezionato in seguito a Milano.

Chiara e Sergio, inviandomi queste foto,mi hanno regalato un prezioso e piacevole tuffo nel passato. Il tempo se ne e’andato velocissimo ma queste immagini hanno fissato momenti particolari dell’amicizia anche di te  piccolina con questa coppia affettuosa.

Francesca e Sergio

Francesca e Sergio

Ti chiamavano “Pomodoro”perche’alla loro domanda “Cosa hai mangiato oggi?”rispondevi sempre scoppiando in una risata “pomodori”

E all ‘imbrunire, Chiara arrivava invitandoti al “salto nel buio “.Tito, il nostro boxerone di allora, schizzava in fondo al corridoio scavalcando l ‘ultimo muretto tuffandosi nel prato sottostante e tu e Chiara lo imitavate ridendo a crepapelle.

Ed il nonno ti invitava a mangiare il pesce promettendoti di non trovare lische, ed aggiungeva “Pero’se ne trovi dodici, avrai la sorpresina “

E tu furbescamente esultando ne sbandieravi una esclamando

“Questa e’la tredicesima “

E  voila’ appariva il dolcetto in premio !

E vogliamo parlare dell ‘altalena !!!

Vogliamo ricordare questa tua grande passione !

Sceglievi sempre il parco giochi di “Serra uno ” perche’ ne  aveva molteplici a disposizione e non dovevi attendere per salirci…

E su e giu’e su e giu’; a turno ti spingevamo e tu , instancabile, non accettavi consigli per cambiare divertimento.

Ed il nonno ridendo ti diceva “Non vedi, ormai ho un braccio piu’ corto dell ‘altro per la fatica “

E tu incurante di rimando, furbacchiona, rispondevi

“Spingi, spingi !!! “

Incontrando dei vicini ti suggerivo di salutarli e tu ‘L ‘ho gia’fatto con la mente “

A sera, tutta elegante come una bambolina , ti avviavi in piazzetta del villaggio per la beby dance.IMG_1503

Guardavi, ascoltavi le canzonette e tutto finiva li’.

Soltanto la sera prima del ritorno, improvvisamente, con grande nostro stupore, provetta ballerina ti scatenasti con gli altri bambini.

Tornata a trovarci, con mamma Simona, a Milano, appena messo piede nell ‘ingresso

“Basta nonna  “

Reclamavi, giustamente , il recupero della tua quotidianita’.

Chiara e Francesca

Chiara e Francesca

Annunci

AIUTO AIUTO PER GLI ALBERI IN DUPLICE FILAR

imagesCerco di recuperare la normalità e con fatica mi impongo attività interrotte da più di un mese. Ma si ,supero una pigrizia che mi attanaglia e mi infilo la tuta per fare un po’ di ginnastica. Programmo un roomba in una parte del salone e nello spazio che mi riservo, accendo il mio piccolo televisore, stendo sul tappeto di fronte la stuoia e col sottofondo del ronzio del mio robottino eficentissimo, col telecomando  saltapicchio dalla rete” tre rai “alla”sette,” entrambe con dibattiti politici e aggiornamenti su una” lega”ormai spinta sin nella Roma Capitolina per arraffare voti andando a braccetto, senza indugio, a “Casa Pound” una destra fascista che più a destra non si può.images-1

Ma questa è un’ altra storia…

Ho esagerato, non riesco a completare , se non con un po’ d’ affanno, la breve attività ginnica. La doppia dose di antibiotici ha lasciato il segno. Dopo una salutare doccia mi conviene tentare un recupero di fiato con la consueta passeggiatina intorno al mio isolato.images-2

I giardini qui vicino con alberi secolari mi riservano una sorpresa: sono parzialmente circondati da una rete metallica e su un cartello appeso leggo del prossimo inizio dei lavori per un nuovo troncone di metropolitana, con le pronte scuse del comune per i futuri disagi, in nome del progresso della città.

Io rispetto il progresso e tutti i vantaggi che ne derivano, ci mancherebbe!!!images-3

 Ma mi sovviene un articolo sul “Corriere della Sera” di qualche giorno fa in cui si preannunciava la conseguente necessità di sradicare moltissimi alberi su quel percorso.images-4

Milano non è famosa per il suo verde..

.Questo è un polmone di ossigeno che esploderà, come ogni anno, offrendoci boccate di salutare respiro dopo mesi e mesi di polveri sottili ingurgitate, complici giornate luminose, ma velenose per le nostre vie respiratorie…images-5

No, non posso pensarci, sarebbe un delitto non poter assaporare l’ ombra di queste piante certamente secolari, altissime con rami lunghissimi ed enormi foglie che puntualmente ogni primavera ci accompagnano amiche, sempre presenti, immancabili nel trascorrere momenti di tranquillità ,passeggiando ombreggiati incuranti dell’andar del tempo e insonorizzati dal pur inevitabile via vai di macchine nelle strade accanto.images-6

Non sottraiamo angoli benefici per bambini sull’altalena o sugli scivoli, panchine accoglienti per una lettura o per due chiacchiere con chi si riposa accanto. E lasciamo un andare tranquillo di una bicicletta in questo provvidenziale e raro percorso ciclabile e accogliamo uno scorrazzare felice di un cagnolino che stimola la sua anziana padrona a ripercorrere su e giù  questo giardino incredibilmente sopravissuto per anni e anni all’ avanzare del cemento.