Immagine

“NOBILTÀ” CH’E’ SI CARA VO CERCANDO

sky-3238050__340Vivevamo in un ‘altra città’. Era una domenica, tarda mattinata. Suona il citofono. Apro ad un inatteso amico, assicuratore, grande affabulatore, sovente primo attore  in spettacoli teatrali amatoriali  che, spesso, suonando il clarinetto, si esibiva anche in un complessino jazz in localini, recuperati da cantine emuli di ” cave ”  francesi  ,dopo un risottino di mezzanotte offerto dall’organizzazione.

Ragazzi ho per voi un’offerta  < bomba >stock-vector-vector-illustration-of-little-princess-text-for-girls-clothes-royal-badge-card-postcard-tag-649211569

Estrae da una capiente cartella un librone con incise parole dorate sulla imponente copertina.  Sorride guardandoci ed esclamathumb-1.jpg

 

< Volete diventare marchesi, baroni, duca, principi? Basta chiedere ! Potete scegliere il titolo nobiliare che piu’vi aggrada ;  ovviamente man mano che si sale nel blasone il prezzo aumenta ma non supera mai un centinaio di migliaia di lire !!! >thumb.jpg

 

 

Io e mio  marito ci guardiamo, forse pronti per scoppiare in una fragorosa risata, ma rispettosi all’ospite, farfugliando, decliniamo questa “generosa “offerta.

Ci  salutiamo proponendoci di rivederci al piu’presto.

Qualche giorno dopo, rapidamente, arriva un invito a cena a casa di questo nostro singolare e simpaticissimo personaggio.

Ci accoglie, trafelata, la moglie scusandosi per aver avuto una giornata faticosa in ufficio.

Ci accomodiamo ed ecco arrivare una camerierina con un vezzoso grembiule  e guanti bianchi esclamando

< Principessa, la cena e’servita .>

Noblesse oblige

 

Annunci

NEGOZI CHE CERCHI NEGOZI CHE NON TROVI

imagesAd ogni mio rientro in città è sempre la stessa storia…

Dove c’era un gioielliere amico, lavori  in corsa di ristrutturazione e chissà chi arriverà… E il negozietto di frutta e verdura è scomparso e il macellaio con la carne piemontese che a me piaceva tanto…ha chiuso… Oggi prima di andare dal dentista , per fortuna solo per un controllo e nonostante ciò mi prende l’angoscia, voglio rimpossessarmi del mio quartiere  e assicurarmi di ritrovare i miei punti di riferimento.

Sembra facile!!!Milano_1542-11-19-13-6076

Banche e banche e banche ad ogni angolo: sarò mica a Lugano?

Al posto di una erboristeria c’è un centro estetico e al negozio per impianti di aria condizionata è subentrato un attraente punto per  massaggi gestito da una deliziosa cinesina con promesse miracolose.

Continuando nel mio peregrinare si susseguono parrucchieri con offerte di tagli e pieghe a prezzi stracciatissimi, bar eleganti gestiti da  giovanotti con occhi a mandorla, ma certamente nati qui e con un fluido italiano.images-1

La comunità orientale in passato stazionava in una zona milanese ben definita come quartiere cinese; ora invece si stanno spalmando ovunque ed ecco al posto di una piccola boutique, un luminoso spazio che rinnova e ricostruisce unghie ed immagini pirotecniche sulle vetrine invogliano eventuali clienti ad entrare.21ecda368a5e714cdd82bd1805320f1fcba361a-1

Ma  i miei ,si fa per dire, amatissimi negozi di pregiato antiquariato ci sono ancora; e posso sognare apprezzando pezzi sontuosi da baget con infiniti zeri, e ammirare statue prelevate da chissà quale palazzo settecentesco e soffermarmi con golosità su argenti massicci e illuminarmi osservando  stratosterici scintillanti lampadari con luci luci e luci…Agg.11nov2011-022

E la vetrina con tappeti dai disegni raffinati e di sicuro pregio troneggia indifferente.mostra-tappeti-antichi-antique-carpets-exhibition-fair-antiquari-milanesi-milano-2006

Le sei farmacie utilissime nel giro del mio quartiere  le ritrovo tutte;  in una stai certo che non ha mai quello che ti serve “glielo procuro per le cinque oggi pomeriggio” è la frase ricorrente; in un’ altra un po’ più in là , pur chiedendo l’ impossibile, immancabilmente ti confermano “Si ce l’ho.”..milanomia.com001_small

Ed esci soddisfatto.

Ed agenzie immobiliari spuntano come funghi ad ogni angolo incuranti della crisi, Milano è pur sempre appetibile ,fortunatamente, per arricchiti con denaro contante.

Un elicottero sorvola la città per salvaguardare la sicurezza di una cinquantina di capi di stato ora qui a Milano.

E percorro , e guardo, e ammiro inerpicandomi con non pochi rischi su marciapiedi pericolosamente e sommariamente ondulati e rappezzati.

SE FOSSI UN DRONE

giovani che spalano

giovani che spalano

Vorrei essere in volo e vedere ogni cosa dall’alto

Immagini sfocate di una città grigia percorsa ininterrottamente da formichine affannate, macchine che vanno ,  tram che si inseguono, autobus vuoti, pieni chissà…E tutto da lassù  il tutto annebbiato e…images-1

Ma son quaggiù,  telefoni perennemente occupati, non riesco a programmare un bel niente. Mi preparo una “scaletta” per non scordarmi le prenotazioni da smaltire: tasse da pagare con nomi sempre diversi   da memorizzare,  appuntamenti da confermare, valigie da svuotare.images

E siamo immersi in cieli più che mai gonfi ,in precipitazioni che non smettono, in immagini televisive di una Genova nuovamente sommersa da fango e detriti e nella  violenza  disastrosa di questo inizio di autunno.

i giovani  a Genova spalano

i giovani
a Genova spalano

E come un drone, da lassù me ne andrei  sorvolando  e spaziando per non affrontare  tutto questo malessere, tutta questa coinvolgente disperazione di un paese ormai allo sbando, burocratizzato…images-4

Ma il bagliore di un improvviso e inaspettato arcobaleno, squarciando la rabbia, accompagna  gruppi di giovani attivissimi nello spalare melma e detriti.

arcobaleno improvviso a Genova

arcobaleno improvviso
a Genova

Queste nuove generazioni non hanno chiesto autorizzazioni burocratiche per portar aiuto ai disperati, si sono rimboccati le maniche , si sono procurati le pale  e via !

Nei “blà blà “che si rincorrono nei vari talk televisivi,le accuse dei ripetuti disastri rimbalzano da un politico all’altro senza un minimo di pudore…

Ma il senso di responsabilità di questi  ragazzi , ne sono certa,è una garanzia per un futuro migliore  anche per noi.

E tra la posta non trovo i bollettini per pagare l tassa dei rifiuti…

In alcuni quartieri della città sono già arrivati…

Dovrò contattare il comune per sollecitarne il recapito e, nel frattempo, essendo scaduta la data per il pagamento, pagherò anche la multa…

Non sono un drone.images-5

MARITI SOLI D’ESTATE IN CITTA’

 

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Chi non ricorda il film di Billy Wilder con Marilyn Monroe splendida protagonista di “Quando la moglie e’ in vacanza”, tradotto letteralmente “La crisi del settimo anno”e un maritsolo in citta’ indeciso tra la voglia di essere fedele alla moglie e il desiderio di sedurre la splendida vicina?inedita

“Cara , anche quest’ anno regalero’ alla famiglia un’ intera estate di vacanza, io purtroppo solo nel fine settimana vi raggiungero,’ lavoro permettendo”.

E via ,moglie e figli al mare o ai monti.

Solo, il marito in citta’, anni or sono, forse senza colf,  doveva destreggiarsi tra fornelli, lavatrice, ferro da stiro; vita infernale.mariti-soli-in-citta

A volte qualche fortunato si ritrovava nello stesso pianerottolo, una donnina,  anche lei sola, con lo sguardo dolce e promettente, pronta ad alleviare questa  tristezza e queste improvvise fatiche, e…se da cosa nasce cosa…

Ma, come nel film, a quest’ uomo appare un flash improvviso :  anche la sua consorte, in vacanza,  puo’ avere un vicino altrettanto accattivante e bisognoso di attenzione…

Ogni tentazione svanisce?

Per i giovanotti attuali, la grande distribuzione facilita loro la vita offrendo menu completi monodose e con l’aiuto del microonde, il pranzo e’ servito a prezzi convenienti.

Ma nel supermercato  puo’ sempre apparire come “consigliori” qualche  altra anima solitaria…

Non voglio seminare zizzania, ma se si innesca la crisi del settimo anno, nessuno aspetta l’estate…

Buone vacanze e puntate tutto sulla fiducia!

 

Passeggiare in mezzo al verde

Mandelieu Maggio 2009 096Ho passato  la settimana pasquale in un paesino del varesotto attorniato da  splendide colline immerse nel verde.Ghirla, si chiama. Se lo cercate nella carta geografica , non sempre e’ segnalato.Ha anche un laghetto  indicato sulla strada provinciale con un pretenzioso cartello “Zona balneare”.Immaginate tre piscine o giù di lì,  e quella é la sua dimensione, frequentato , in un annesso campeggio prevalentemente  da olandesi che, mi auguro , per loro , di continuare poi a  scoprire il nostro splendido paese, ma questa è un’altra storia. Ora mi viene in mente un esilerante quadretto televisivo del grande Walter Chiari che ironizzava sulla nevrosi dei milanesi. Stanchi della rumorosa , caotica, inquinata città, affrontavano ore  e ore di coda nell’autostrada per i laghi  pur di guadagnarsi un po’ di ossigeno e qualche ora di sonno tranquillo. Ebbene si anche ora, appena si può, tanto, ci ripetiamo, distano solo un’ora di macchina… e via verso questi splendidi paesaggi.