SCUOLA e… costi infiniti

 il nuovo anno scolastico.

si va a scuola

si va a scuola

Per Tommy c’e’il rientro. E’indifferente allo scorrere del panorama.Tuffi e passeggiate inserite tra uno scroscio e l’altro di questo strano inizio di settembre ,lo hanno comunque appagato. Un velo di tristezza mista forse ad un po’di nostalgia emergono dal suo sguardo attraversando il Salento verso l’aeroporto.

Inizia il nuovo anno scolastico e son dolori per le famiglie:costi altissimi…inizia-la-scuola

I libri per le scuole superiori assorbono quasi uno stipendio, problema che si ripete annualmente e certamente questa e’una delle cause dell’abbandono dello studio, di molti ragazzi.

Ho scoperto, viaggiando, alcuni paesi in cui i testi scolastici, proprieta’dello stato, vengono forniti agli studenti con l’obbligo di restituirli in perfetto ordine alla fine del percorso di studio ,senza alcuna spesa.anno-scolastico-262x278

Che ne dite? potrebbe essere un’idea? Investire sulla cultura non e’ l’unico modo per migliorare un paese?

E per un futuro migliore di tutti i nostri giovani serve una scuola fruibile da tutti i ceti  dando a tutti le stesse opportunita’.

Sara ‘anche questa un’utopia?

Nelle scuole staineriane, i testi sono preparati da ogni insegnante anno per anno ed elargiti , spiegandoli ,ai ragazzi quotidianamente.

Il lavoro e l’ aggiornamento e’notevole e certamente questi professori seguono un percorso filosofico e pedagogico che non e’da tutti

.Pero’

la scuola e l’insegnamento non sono statici, il mondo si evolve e quindi la pedagogia ne deve prendere atto e l’aggiornamento, come in ogni seria professione, e’una necessita’

Ruotano ministri della pubblica istruzione,e, quando annunciano cambiamenti, sovente attuano piu’danni che altro.gruppo_studenti

E anche quest’anno i ragazzi, per risparmiare, cercheranno bancherelle o le librerie dell’usato, presenti  specialmente nelle grandi citta’,per trovare testi a minor prezzo.Spesso ,i libri sono uguali, ma le case editrici,nelle nuove edizioni si sono premurate di modificare gli esercizi…

 E udite udite: al salone del libro di Torino hanno parlato di aprire il mercato e Book nel settore scolastico..

.fiera_del_libro_torino-200x200Ma se nella scuola pubblica i genitori acquistano la carta igienica con una colletta!

Ed il gap tecnologico delle famiglie rispetto alla tecnologia e’marcato!

salone del lbro di Torino

salone del lbro di Torino

MARITI SOLI D’ESTATE IN CITTA’

 

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Chi non ricorda il film di Billy Wilder con Marilyn Monroe splendida protagonista di “Quando la moglie e’ in vacanza”, tradotto letteralmente “La crisi del settimo anno”e un maritsolo in citta’ indeciso tra la voglia di essere fedele alla moglie e il desiderio di sedurre la splendida vicina?inedita

“Cara , anche quest’ anno regalero’ alla famiglia un’ intera estate di vacanza, io purtroppo solo nel fine settimana vi raggiungero,’ lavoro permettendo”.

E via ,moglie e figli al mare o ai monti.

Solo, il marito in citta’, anni or sono, forse senza colf,  doveva destreggiarsi tra fornelli, lavatrice, ferro da stiro; vita infernale.mariti-soli-in-citta

A volte qualche fortunato si ritrovava nello stesso pianerottolo, una donnina,  anche lei sola, con lo sguardo dolce e promettente, pronta ad alleviare questa  tristezza e queste improvvise fatiche, e…se da cosa nasce cosa…

Ma, come nel film, a quest’ uomo appare un flash improvviso :  anche la sua consorte, in vacanza,  puo’ avere un vicino altrettanto accattivante e bisognoso di attenzione…

Ogni tentazione svanisce?

Per i giovanotti attuali, la grande distribuzione facilita loro la vita offrendo menu completi monodose e con l’aiuto del microonde, il pranzo e’ servito a prezzi convenienti.

Ma nel supermercato  puo’ sempre apparire come “consigliori” qualche  altra anima solitaria…

Non voglio seminare zizzania, ma se si innesca la crisi del settimo anno, nessuno aspetta l’estate…

Buone vacanze e puntate tutto sulla fiducia!

 

NEW YORK _ EINSTEIN _ liberta’ e cultura

La Grande mela  liberta'e democrazia

La Grande mela liberta’ e democrazia

einstein

 

Dalla cronaca odierna :quindicenni intossicati, due in coma etilico per aver

festeggiato la fine dell’anno scolastico in una discoteca nei pressi di Torino.

Di chi la colpa, la famiglia spesso distratta da attuali problemi economici?

La scuola?…Senza  mezzi, dimenticata dai nostri governanti, con insegnanti spesso coraggiosamente impegnati con classi sovraffollate, multietniche, senza  personale di sostegno e docenti  molto spesso non aggiornati.

La scuola e’un diritto di tutti. Cosi ‘dovrebbe essere..

La borghesia allora indirizza i propri figli in scuole private,  con rette salatissime, ma prevalentemente gestite e controllate dai genitori, con docenti preparati e aggiornati.

Leggendo scopro che a New York, nella grande mela, le carriere si programmano appena il pupo muove i primi passi.Si punta a trasformare i fanciulli  in piccoli Einstein per proiettarli in asili per superdotati.Da li’ in seguito per le migliori scuole private e quindi per le grandi universita’ di elite.

Il potere in mano solo alla medio alta borghesia? Sulla scia delle societa’giapponese o dell’elite cinese?

Sapere e’potere.

La scuola pubblica e’rimasta spogliata di dignita’e di attenzione.Una societa ‘piu’alfabetizzata riesce a raggiungere i livelli alti del sapere, ha meno problemi sociali e trasforma le intelligenze in motori anche economici.

Priorita’ alla scuola. Cosi ‘ha promesso il nostro Presidente del Consiglio.