VELEGGIANDO SUL LAGO MAGGIORE

MINOLTA DIGITAL CAMERA

MINOLTA DIGITAL CAMERA

“Venga a prendere il caffe’…da noi ”
Un Tognazzi strepitoso splende in questo film tratto da un romanzo di Piero Chiara.
Un impiegato del ministero delle finanze nel varesotto, viene invitato a prendere il caffe’appunto da tre sorelle zitelle tutte “casa e chiesa ” eredi di una sostanziosa fortuna e proprietarie di una delle piu’belle ville di Luino, cittadina sul lago Maggiore.
Si insediera’”come un topo nel formaggio “coccolato dalle tre donne che avviera’ai piaceri del sesso scaturendo scariche erotiche da corpi risvegliati da perbenismo e da sonno carnale.
Ne sposera’una e diventera’l’amante delle altre due sino a…
Una magistrale satira diretta da Lattuada di una certa borghesia di provincia ipocrita, sepolta da frustrazioni e repressioni.emerenziano
Tutto cio’mi frullava in mente quando decidemmo di scendere in macchina verso Luino per i due passi canonici. Giornata splendida e luminosa temperata da un mite venticello gradevolissimo.
Un magnifico nuovissimo lungo lago ci accoglie intercalato da giardini perfettamente rasati a tappeto, alternati da improvvisi spruzzi di fontanelle e con una pavimentazione comodissima. E proseguendo, un elegante ristorante con un dehor alle spalle ricoperto da fluttuanti tendaggi stuzzica l’interesse dei passanti con primi piatti goduriosi a prezzi modici. Il porticciolo ricolmo di barche a vela e di motoscafi per tutti i gusti ,si frappone ad una villa acquistata dal comune per ristrutturarla e trasformarla in un centro culturale ricordando Piero Chiara, raffinato scrittore,a cui Luino ha dato i natali.
Ed all’imbarcadero , scopriamo una imminente corsa per Locarno. E’la giornata giusta per veleggiare ammirando la costa piemontese andando, e quella lombarda al ritorno,ed apprezzando quindi, in terra svizzera, la piazza principale di Locarno con i suoi palazzi appena ristrutturati,i suoi negozi affollati di turisti sotto i lunghissimi portici avvolgenti.
Il festival del cinema e’gia’concluso. Transenne accumulate ai lati e grandi manifesti son ancora li’a segnalare passaggi di celebrita’piazza-11-agosto-2012

SI VIAGGIARE…

 

laghi-aliminiHo la valigia facile. Amo viaggiare. Rimanere nello stesso posto, vedi Milano, mia residenza ufficiale, per piu’di due o tre settimane, mi alimenta un crescente nervosismo. Saranno le mie radici venete? Marco Polo docet. Saranno le polveri sottili della citta’ ?

E appena posso scappo.

In tarda primavera

 per un mese e mezzo sono nello

splendido Salento, assaporando salsedine, luce, colori, passeggiando immersa nella natura, godendomi mare  e silenzi e vivendo giornate rilassanti non certo impegnative. Soggiorno in un residence in multiproprieta’. Questa comodissima formula di acquisto mi evita qualsiasi problema organizzativo nel chiudere casa: se ne occupa l’amministrazione…parco Sempione

Ecco il rientro a Milano, ma per pochi giorni.L’appartamento e’ per meta’ ïmballato”.neve

Mi serve come base provvisoria per pagare balzelli governativi, controlli medici, tagliandi per assicurarci un tranquillo andar del tempo. Del resto il caldo estivo milanese,  sovente torrido senza un briciolo d’aria, fa fuggire chiunque ha un buco da altre parti. Noi abbiamo  vicini i laghi , alcuni dighirlaorigine glaciale

costeggiati da dolci colline immerse nel verde e qua e la’ appaiono paesetti panoramici.

Raggiungo quindi Il nostro piccolo centro, fornito di micro laghetto a un tiro di schioppo dal confine svizzero.

E da li’ posso velocemente arrivare a  Lugano e come dico io, per fare un tuffo  ed immergermi nella ricchezza degli arabi’ dei russi e forse anche in quella di certi italiani…ed ammirare prestigiose e lussuosissime vetrine, incontrare personaggi importanti di ogni dove che gironzolano senza scorta…

piazza centrale di Lugano

piazza centrale di Lugano

lugano

Scendendo verso il Lago Maggiore si raggiunge Luino, patria generosa di molti cabarettisti ; e dalla sponda lombarda arrivare a Locarno per un prestigioso  festival di cinema , spesso d’autore ,e’un attimo.

Con comodi traghetti si puo’spaziare in lungo e in largo per il Lago Maggiore, toccare la sponda piemontese, oppure indirizzarsi nelle splendide isole Borromeo sempre accarezzati da un dolce clima.

Isola Bella lago Maggiore

Isola Bella
lago Maggiore

E se si vuol arrampicarsi in percorsi piu’alti, fauna e flora ci dilettano e con qualche emozione si possono seguire percorsi alternativi per entrare in Svizzera, sentieri privilegiati dagli ex “spalloni”, trafficanti di valuta ed altro.

Isola Madre sul Lago Maggiore

Isola Madre sul Lago Maggiore