ADDA PASSA’ A’ NUTTATA!

images-3Un formaggio mescolato a mascarpone arrivato sulla tavola dopo un mio acquisto irresponsabile è certamente la causa di una notte insonne. O forse il cambio dell’ ora può aver sbarellato il mio equilibrio?images-5 Chissà …Occhio sbarrato in attesa dello scorrere del tempo . Mi alzo furtivamente, non cerco nemmeno le pantofole per non disturbare i fortunati dormienti della famiglia. Mi dirigo in cucina,  con movimenti lentissimi apro i mobiletti evitando qualsiasi improvviso,  non sia mai, sporadico cigolio alla ricerca di una bustina di camomilla. Inserisco nel microonde la tazza con l’ acqua programmo un minuto ed ecco allo scoccare del tempo il trillio dell’elettrodomestico, mi auguro senza destar nessuno, mi invita a recuperare il liquido per diluire  con un goccio di limone il prezioso nettare che mi aiuterà a riportarmi nel mondo dei sogni. images-6 Niente da fare , non mi resta che  leggere  l’ultimo libro  sul Kindle accoccolata sul divano. La scrittura è accattivante, ma l’argomento si snoda narrando le peripezie di un marito, tra una moglie affettuosa e sempre presente ed accomodante e la capacità di questo bell’ imbusto a destreggiarsi nel trovare scorci per convolare amorevolmente con una giovanissima e coinvolgente amante, ovviamente in un momento critico della sua vita… Non mi rilasso. Vorrei accendere la televisione, ma ricordo di aver dimenticato chissà dove le cuffie, non posso far rumore. images Il cielo inizia ad albeggiare, dalla finestra del salone vedo illuminato l’ ultimo piano del “pirellone” con luci intermittenti per evitare il ripetersi del drammatico contatto con un aereo di qualche anno fa. E mi sovviene, in quel periodo  in vacanza in Messico, di aver acceso la televisione per informarmi dei programmi di quel paese e di aver visto simultaneamente l’ incidente accorso  a Milano. Da qui spiccano irradiate e ben visibili tutte le costruzioni  altissime in zona Porta Nuova  divenute proprietà degli arabi, ma questa è un ‘ altra storia. I rumori della città che si risveglia risuonano via via aumentando accompagnati da un cielo incredibilmente terso con striature azzurrine mescolate a pennellate rosacee.images-1images-2 < Sei già alzata? > mi chiede Antonella ancora assonnata,< Ti ho svegliata io?> si preoccupa. L’ abbraccio e le dico < Buon Giorno>

AMORE PER IL TEATRO

Io per teatri antichi

Io per teatri antichi

“Signorina, l ‘ho vista a teatro ieri pomeriggio durante il dibattito con gli attori, gradirebbe dei biglietti omaggio per altri spettacoli?

Domai sera ci sarà anche la ripresa televisiva. Se accetta ci vedremo in teatro dove io lavoro”

“La ringrazio , ci sarò certamente ovviamente con mio padre”.

Così mi conquistò il giovanotto divenuto poi mio marito.

Teatro Gobbetti a Torino

Teatro Gobbetti
a Torino

Ero studentessa alle superiori ed andavo regolarmente agli spettacoli pomeridiani con ingressi economici ,organizzati dalla scuola.  Si partecipava anche al dibattito sul testo appena visto con la presenza degli attori.

Bei tempi, ci si dava del lei anche tra giovani, noi ragazze si usciva accompagnate ed in breve il giovanotto di turno,   conosceva volente o nolente tutta la famiglia…

Ma oggi i giovani agiscono più snellamente senza più sovrastrutture e diciamolo si facilitano la vita! Condivido

E galeotto fu < Un caso clinico > di Buzzati, testo molto amaro ripreso anche dal cinema  con l’ interpretazione di Tognazzi nel film <Fischio al naso > Ma questa è un ‘ altra storia.

Interno del teatro Stabile di Torino, frequentato  nei pomeriggi da noi allora studenti

Interno del teatro Stabile di Torino, frequentato nei pomeriggi da noi allora studenti

Il teatro mi ha sempre attratto: vedere rappresentata una commedia, un dramma, da persone reali  tanto talentose da immergersi  completamente nel ruolo, annullando la propria personalità, e con capacità tecniche, sia vocali che interpretative: ancora oggi mi affascinata e mi coinvolge totalmente.IMG_7673.JPG

Ed ogni qualvolta arrivavo in un pese affacciato sul Mediterraneo, e non solo, cercavo tra i resti della civiltà greca e poi romana , i teatri. Bellissimi, costruiti all’ aperto con gradinate degradanti.

IO per tetri antichi

IO per tetri antichi

Gli attori di allora

recitavano in versi ed il Coro commentava la trama. Per i greci, il teatro non era solo   divertimento o evasione, diveniva  cassa di risonanza di idee, di problemi della vita politica e culturale. Partecipavano in massa agli spettacoli cittadini di ogni classe sociale…

Attori del teatro greco

Attori del teatro greco

Vorrei sottolineare che la cultura paga a dispetto di qualche nostro politico passato per fortuna come una meteora…

Al Carcano, teatro milanese, l’altra sera ho visto con piacere nello spettacolo Eva contro Eva, Gigi Diberti, un attore conosciuto a Torino agli inizi della sua carriera. Già agli albori rivelava un talento innato ed ora più che mai è bravissimo inserito in una compagnia affiatata e di ottimo livello.

Compagnia di Eva contro Eva con Gigi Diberti con sciarpa bianca

Compagnia di Eva contro Eva con Gigi Diberti con sciarpa bianca

Gli attori,  con regolare preparazione in scuole teatrali specifiche, hanno la dizione perfetta, sanno usare il diaframma e quindi si fanno sentire e capire da qualsiasi angolo della sala teatrale, e se a questo si aggiunge il talento,  sovente  permeato in molte compagnie , il divertimento è assicurato…

ragazzi a teatro

ragazzi a teatro

Si, siamo in un momento di crisi è vero, ma  la scuola dovrebbe chiedere con insistenza un po’ di aiuto ovunque per includer spettacoli teatrali da offrire ai ragazzi ,ma  a tutti i ragazzi di ogni tipo di scuola !!!

I tagli sulla cultura non dovrebbero mai esserci, tanto meno sui teatri, anzi dovrebbero aumentare le sovvenzioni per poter calmierare i prezzi rendendoli appetibili ad ogni ceto sociale.

Basterebbe?

Silvana e Dino dal teatro all'altare

Silvana e Dino
dal teatro all’altare