NEGOZI CHE CERCHI NEGOZI CHE NON TROVI

imagesAd ogni mio rientro in città è sempre la stessa storia…

Dove c’era un gioielliere amico, lavori  in corsa di ristrutturazione e chissà chi arriverà… E il negozietto di frutta e verdura è scomparso e il macellaio con la carne piemontese che a me piaceva tanto…ha chiuso… Oggi prima di andare dal dentista , per fortuna solo per un controllo e nonostante ciò mi prende l’angoscia, voglio rimpossessarmi del mio quartiere  e assicurarmi di ritrovare i miei punti di riferimento.

Sembra facile!!!Milano_1542-11-19-13-6076

Banche e banche e banche ad ogni angolo: sarò mica a Lugano?

Al posto di una erboristeria c’è un centro estetico e al negozio per impianti di aria condizionata è subentrato un attraente punto per  massaggi gestito da una deliziosa cinesina con promesse miracolose.

Continuando nel mio peregrinare si susseguono parrucchieri con offerte di tagli e pieghe a prezzi stracciatissimi, bar eleganti gestiti da  giovanotti con occhi a mandorla, ma certamente nati qui e con un fluido italiano.images-1

La comunità orientale in passato stazionava in una zona milanese ben definita come quartiere cinese; ora invece si stanno spalmando ovunque ed ecco al posto di una piccola boutique, un luminoso spazio che rinnova e ricostruisce unghie ed immagini pirotecniche sulle vetrine invogliano eventuali clienti ad entrare.21ecda368a5e714cdd82bd1805320f1fcba361a-1

Ma  i miei ,si fa per dire, amatissimi negozi di pregiato antiquariato ci sono ancora; e posso sognare apprezzando pezzi sontuosi da baget con infiniti zeri, e ammirare statue prelevate da chissà quale palazzo settecentesco e soffermarmi con golosità su argenti massicci e illuminarmi osservando  stratosterici scintillanti lampadari con luci luci e luci…Agg.11nov2011-022

E la vetrina con tappeti dai disegni raffinati e di sicuro pregio troneggia indifferente.mostra-tappeti-antichi-antique-carpets-exhibition-fair-antiquari-milanesi-milano-2006

Le sei farmacie utilissime nel giro del mio quartiere  le ritrovo tutte;  in una stai certo che non ha mai quello che ti serve “glielo procuro per le cinque oggi pomeriggio” è la frase ricorrente; in un’ altra un po’ più in là , pur chiedendo l’ impossibile, immancabilmente ti confermano “Si ce l’ho.”..milanomia.com001_small

Ed esci soddisfatto.

Ed agenzie immobiliari spuntano come funghi ad ogni angolo incuranti della crisi, Milano è pur sempre appetibile ,fortunatamente, per arricchiti con denaro contante.

Un elicottero sorvola la città per salvaguardare la sicurezza di una cinquantina di capi di stato ora qui a Milano.

E percorro , e guardo, e ammiro inerpicandomi con non pochi rischi su marciapiedi pericolosamente e sommariamente ondulati e rappezzati.

Dal DISCO al VIDEO su YOUTUBE

Bob Dylan

Bob Dylan

114491154-638x425

Oggi i giovani talentuosi hanno varie possibilita’per emergere.

L’innimaginabile inutilita’del disco e’divenuta una realta’. E’la fine di un’epoca e non solo musicale.

Un ragazzo non deve piu’convincere  un’etichetta discografica per pubblicaree un cd.

Si costruisce un video e lo  mette in rete. Questa e ‘la chiave per accedere all’Olimpo popolare, e non solo musicale.

Addio ai negozi  di dischi, sempre piu’spesso i ragazzi  mettono in scena da soli il loro debutto nella Rete.

Si diventa una star con un pezzo d’arte da guardare tra YOUTUBE e Twitter:

basta una canzone e un video performance ad accompagnarla. E’una rivoluzione visuale.

Il video e’importantissimo e se uno produce qualcosa di bello, di nuovo e di avanguardia, YOUTUBE diventa   come la radio di cinquant’anni fa.

Gli artisti di una volta dipendevano dalle etichette disco grafiche e dai video firmati da importanti registi ed  esosi fotografi imposti dai manager.

Con milioni di clic <Internet> ha trasformato una generazione e tutto cio’e’un sinonimo di liberta’.

Anche i big ormai si immergono in rete: Ne e ‘un esempio il video che riassume la biografia di Bob Dylan.

Oggi un video che abbia la forza di diffondersi in rete per le sue qualita’e’determinante per l’avanzamento di una carriera. Ormai se hai successo on line, puoi rinunciare al disco e alla radio.

Infatti esiste un sito web  che permette ai musicisti di  promuovere e distribuire la loro musica.

Il biglietto d visita per un musicista pop  ora e’il video.