UNA SERATA PARTICOLARE

violinista Marcello Baldassarre

violinista
Marcello Baldassarre

Seduti nella piazzetta di Serra degli Alimini 1, oppressi da uno scirocco dominante, puntuale come si esige nei migliori teatri, il violinista Marcello Baldassarre, titolare della cattedra di violino del Conservatorio di Lecce ”
Tito Schipa”, ci delizia con un incredibile concerto inaspettato per un villaggio vacanze. .Maneggiando con maestria il violino, con movenze sinuose, assorto nella musicalita’, accompagnato da un silenzio collettivo,sviluppa un accattivante concerto spaziando da temi lirici a pezzi classici a refrain notissimi.

John Lennon

John Lennon

E sulla dolce melodia di< Imagine > diJhon Lennon ,sognando un mondo di pace, penso a quelle povere e disgraziate persone approdate in queste notti anche qui, sulle coste del Salento fuggendo da guerre interminabili e da miserie indicibili.
La copertura della piazzetta ci regala un’acustica quasi perfetta ed il maestro con grande professionalita’, ignorando il chiacchiericcio di giovinastri supertatuati con chiome fornite di creste svettanti emuli di famosi calciatori ,continua il suo splendido concerto offrendo emozioni a piene mani.
Qualche bimbetto,sgaiattolando tra le sedie, si blocca, guarda, ascolta, si emoziona? Crescendo ricordera’?
Scrosci di applausi sottolineano l’esecuzione di ogni pezzo.
Due ore son volate.
Il maestro conclude con” la marcia di Radetzky “e tutti noi, in piedi , con le mani accompagniamdo il ritmo sogniamo di partecipare al concerto di Capodanno a Vienna.

Concerto di capodanno a Vienna

Concerto di capodanno
a Vienna

Il violinista sorride ai nostri ringraziamenti.
E lo sponsor, il gioielliere De Giorgi, inorgoglito, giustamente, per la riuscita della serata, si guarda attorno soddisfatto forse pensando che la cultura emoziona anche in luoghi non canonici…

 

A MAGGIO NEL SALENTO

21449416-Gabbiano-che-vola-sul-mare-Egeo-con-le-isole-greche-in-fondo-da-qualche-parte-in-Grecia-Archivio-FotograficoA piedi nudi in una splendida mattinata di Maggio, cammino su una sabbia finissima.images-4

Un cielo terso, un mare scintillante accarezzato da iridescenti  ed intermittenti luminosita’ ed onde che pigramente si srotolano  adagiandosi sulla battigia con una scia spumeggiante,  mi accompagnano in questo mio andare.images-1

Sonnecchia la macchia mediterranea appollaiata sulle dune che incorniciano l’ ampia baia di Serra Degli Alimini ad un passo da Otranto.

Esplodono accarezzate dai  raggi mattutini di un sole avvolgente, fioriture coloratissime inaspettate  tra questa  florida vegetazione. Il silenzio domina.dune-con-i-fiori-40481016

Lo sguardo spazia  in un orizzonte azzurro infinito e mi immergo in una appagante serenita’.pro61

La luce intensa mattutina mi rassicura  in questo piacevole passeggiare in solitudine.,images-3

Tremuli voli di rondinini  volteggiano.

Ed  un gabbiano  si dirige indisturbato verso quel che resta di una torre di avvistamento di un lontano passato di invasioni…images

Lascio orme che prontamente si cancelleranno.images-5

ARTE NEL SALENTO

img_2731

      Ättenzione!!! Pacco fragilissimo”
      Arrivo’tra i regali di nozze di una mia figlia. Lo aprimmo con molta cautela ed emersero tre personaggi in cartapesta: un pastore con vesti antiche dalle tonalita marroni degradanti verso colori piu’chiari, una popolana analogamente addobbata ed un bambinello dall’aria felice. Degnamente accolti in una vetrinetta,son li’con la loro bellezza a ricordarci il Salento.
    Carta pesta e Lecce binomio inscindibile.

Maestri in laboratori artigianali esprimono un’ arte vera con la cartapesta realizzando concreti pezzi artistici :su scheletri impagliati plasmano  la carta con ferri caldi, ed emergono statue con mani e teste  a volte in terracotta.la-cartapesta-di-claudio-1

Entrando in queste botteghe del centro storico si riscoprono queste tecniche tramandate di padre in figlio.. La duttilita’ di questo materiale ottenuto assemblando acqua, carta e colla permette la realizzazione di molteplici creativita’.

Arte antica.la-cartapesta-di-claudio Michelangelo e Donatelllo gia’ nel ‘400 allestivano i loro bozzetti in cartapesta.

Maschere funebri ritrovate nei sarcofagi egizi, sono state realizzate con analoghi procedimenti. I Greci invece, per la costruzione delle loro maschere teatrali,  anziche’ carta, utilizzavano la fibra di lino. .

Nella committenza tra religione e aristocrazia, una grande stagione artistica si sviluppa tra il XVII e il XVIII secolo. Nell’eta’barocca, su richiesta di scultori e architetti, esplodera’il maggior utilizzo di questi materiali realizzando statue  in cartapesta evidenziando grandi abilita’ da scultori per realizzarne i calchi.

Da un lato l’arte barocca leccese fiorisce con le scuole degli scalpellini modulando la duttile pietra leccese, dall’altro la carta pesta crea con la sua malleabilita’ imitando  materiali nobili quali argento, marmo, bronzo.
Grazie alla richiesta religiosa quest’arte artigianale si nobilita evocando storie di Angeli, di Cristi e di Madonne.

Eppure la letteratura del passato riteneva la carta pesta ‘materiale vile’ perche’ottenuto da frammentazioni di ‘poveri stracci’ non annoverati tra le materie tradizionali della scultura.32855-cartapesta Un museo a Lecce nel castello di Carlo V espone finalmente 80 opere dei maggiori artisti cartapestai leccesi partendo dal XVIII secolo sino ai giorni nostri. Ed in diretta si osserva l’attivita’dei restauratori con tecniche di conservazione delle opere di cartapesta.

E la cartapesta degnamente surge ad Arte.

LUCE SOLE SILENZI NEL SALENTO

Serra Degli Alimini           Otranto

Serra Degli Alimini
Otranto

Alla ricerca della felicita’?

Oscillano i pini accarezzati da un vento tiepido, uccelli stupiti dal nostro andare ci accompagnano cinguettando melodicamente. Passeggiamo pigramente in questa splendida e tranquillissima pineta di Serra Degli Alimini impossessandoci di spazi di cielo di colori intensi ed abbaglianti.images-3

Fronde dal verde squillante via via degradante verso tonalita’ piu’pallide, si inchinano per una folata improvvisa quasi per un saluto ed un raggio di sole si intrufola tra la vegetazione esuberante illuminando il nostro passaggio.
Il giallo delle ginestre si alterna ai viola ai rosa ai bianchi, fioriture della macchia mediterranea gia’sbocciate, profumano il nostro passaggio.images-2
Un micino attraversa la strada, ci guarda e se ne va indisturbato.
Il silenzio, la tranquillita’, la serenita’, il non accorgersi del fluire del tempo predominano.

Piaceri incommensurabili per chi, vivendo prevalentemente in una metropoli, frastornati dal sottofondo frenetico quotidiano, si appaga e gioisce nel vivere e nel trascorrere momenti cosi’gratificanti.IMG_0804 2
E passando sotto un tunnel di alberi quasi abbracciati sulla sommita’, arriviamo al mare accolti dallo sciacquio delle onde leggermente spumeggianti.images

Lucertoline ci attraversano tra i piedi, si soffermano, col capino inclinato ci osservano, per nulla intimorite; e mi sovvien Francesca piccolina, alla ricerca di almeno tredici di questi animaletti per ottenere alla fine in premio una “sorpresina”…

Un unico serfista beatamente si dirige verso l’orizzonte vagando sui blu e sui verdi di un mare ineguagliabile.
Dune degradanti verso la spiaggia, qua e la’con improvvise fioriture rosacce ci coprono le spalle dai raggi ancora tiepidi del sole al tramonto.
Proseguendo a piedi nudi sulla battigia di una spiaggia completamente vuota si rientra.

Ed e’solo Maggio…images-4

Digressione

SCOPRENDO UN ALTRO SALENTO

Grotta zinzulusa

Grotta zinzulusa

Nei mie viaggi, incontrando vacanzieri tedeschi in qualsiasi periodo dell’ anno, scoprii il sistema intelligente della Germania nello scaglionare in ogni stagione le loro vacanze lavorative.
Perche’ non imitarli?
Finalmente  senza aspettare il pensionamento, chiunque potrebbe visitare paesi e paesi evitando la concentrazione dell’affollamento estivo.
Arrivando in Salento in primavera godrebbe della bellezza della natura e trovando spesso giornate con un clima estivo, si ristorerebbe con dei bagni solitari in un mare limpido con un cielo terso e azzurrissimo

Dolmen a Giurdignano

Dolmen a Giurdignano

. Questo sarebbe il periodo migliore per stupirsi in un Salento culturale.

torri  di avvistamento

torri di avvistamento

Andare per centri storici con case a corte e balconate artistiche, scoprire masserie fortificate, palazzi nobiliari, torri imponenti sulle coste per avvistare incursioni nemiche dal mare: arte e storia perdurano in terra pugliese.

graffiti nella grotta dei cervi

graffiti nella grotta dei cervi

Grotte, insediamenti rupestri, favorite dal carsismo di questa regione, si visitano scoprendo testimonianze paleolitiche nella Grotta della Poesia a Roca e a porto Badisco in quella Dei Cervi e nella Zinzulusa stalattiti e stalagmiti abbagliano il visitatore ed emergono ancora testimonianze dell’uomo preistorico, in quella Romanelli.

grotta della poesia a Roca

grotta della poesia a Roca

I Messapi, giunti qui mille anni prima di Cristo, fondarono citta’con mura fortificate scoperte da scavi e svelando influenze greche negli arredi funerari ritrovati.
Il tracciato della Via Appia da Roma a Brindisi, segnala i traffici commerciali dei Romani verso l’Oriente; ed uno splendido anfiteatro a Lecce sottolinea la loro permanenza.

anfiteatro greco

anfiteatro greco

E passando da un paese all’altro si incontrano dolmen, megalitici dell’eta’preistorica, forse altari o monumenti sepolcrali o simboli propiziatori alla fecondita’: un lastrone orizzontale poggia su pietre verticali formando un vero ambiente.cd8b020e99ec54958679f19187fcfdab
Svettano ovunque Menhir a volte alti piu’di cinque metri, pietre monolitiche inserite verticalmente nel terreno con le faccie piu’larghe rivolte a nord o a sud, alcune cristianizzate nel Medio Evo con incisioni di croci.

frantoi ipogei

frantoi ipogei

Frantoi ipogei, scavati nella roccia, producevano olio al riparo da sguardi nemici. Sono tuttora visitabili.11ff9b4c887cc2e009006cc7fd3aeb4c_XL
Non vorremmo mica scordarci di ammirare l’esuberante barocco della Basilica di Santa Croce a Lecce: colonne, putti, capitelli, ghirlande si scoprono tra figure sacre e profane.225px-Otranto_cathedral_martyrs
Proseguendo ad Otranto si ammira nella sua cattedrale un pavimento col piu’grande mosaico ed arrivando a Galatina a Santa Croce ci si immerge in strepitosi affreschi del ‘400. e nel Santuario del Santo Crocifisso della Pieta’a Galatone emerge un altare maggiore con un esplosivo barocco.
Tele di artisti locali e partenopei splendono nella Cattedrale di Sant’Agata a Gallipoli
Arrivando al “Finibus Terrae” ci accoglie il Santuario di Santa Maria di Leuca sorto sulle ceneri di un tempio dedicato a Minerva.

E LO CHIAMANO SESS0 DEBOLE ?

Sofia  Mulanovich campionessa di surf

Sofia Mulanovich
campionessa di surf

Stesa sulla sabbia crogiolandomi tra un soffio  d’alito immancabile nel Salento, e tra un piacevolissimo e avvolgente calore , indecisa se continuare pigramente ad assaporare il tutto o a tuffarmi nelle acque corroboranti di un mare  incredibilmente solitario dai colori sfavillanti, ecco arrivare Simona, allora ancora adolescente e perennemente irrequieta. “Vorrei affittare un surf, che dici?”
E che potevo risponderle  se non ricordarle la sua poca esperienza per questo sport avendo solo prese poche lezioni sul lago di Ghirla nel varesotto dove per agitare quelle acque  Eolo, re dei venti, non interveniva mai con i suoi soffi. “Ti prego , le suggerii ,sii prudente e non uscire  da sola  rimani vicino alla battigia”

Ogni qualvolta gettavo lo sguardo, la vedevo andare e tornare , cambiando ottimamente la posizione della vela assecondata dal vento.

Mi appisolai per un po’ girai lo sguardo e la vidi lontanissima quasi al limite dell’ orizzonte per poi tornare verso la spiaggia e ripartire: ripresi quindi la mia lettura  dimenticando il passar del tempo. La luce stava quasi scemando. Non la vedevo più da nessuna parte. Mi prese l ‘angoscia, mi diressi  dall’ unico bagnino  presente della spiaggia accanto, Alberto, chiedendogli di individuarla col suo cannocchiale.”Tranquilla, signora,  sta salutandoci” Era un puntino al limite dell’ orizzonte. Vedendomi visibilmente preoccupata Alberto uscì per andarla a recuperare. Ed infatti,non si sbracciava per salutarci, ma  cercava aiuto incapace di rientrare bloccata da un vento contrario improvviso e malefico, essendo partita da sola…images-2

Immagini e ricordi di un passato riemergono leggendo di Sofia Mulanovich
peruviana di Lima, prima campionessa mondiale già nel 2004 di surf.
Lungo le coste della capitale del Perù le onde raggiungono anche i sei-sette matri di altezza, costanti e pronte da essere cavalcate in ogni periodo dell’ anno.

images-1 Sofia, sbarazzina con muscoli d’ acciaio ha saputo rendere fruibile questo sport a tutte le classi sociali.

Ora vuol trasmettere col suo bagaglio tecnico la volontà di vincere ed un insegnamento di vita costruendo una accademia per giovani. Realizzerà il suo sogno con l’aiuto di Swatch, azienda svizzera di orologi, sponsor benefico per l’ America latina.images-4
Selezionerà ragazzi trovati sulle spiagge tra i dieci e i quindici anni.
“Se io credo in questi ragazzi loro poi crederanno in se stessi, è chiaro che sarei felice di scoprire dei fuori classe; prima che campioni, io voglio che diventino delle buone persone.”
Sulla scia della regina dell’ acqua concetti importanti cavalcando le onde di Lima!!!

SOFIA  MULANOVICH

SOFIA MULANOVICH

SCUOLA e… costi infiniti

 il nuovo anno scolastico.

si va a scuola

si va a scuola

Per Tommy c’e’il rientro. E’indifferente allo scorrere del panorama.Tuffi e passeggiate inserite tra uno scroscio e l’altro di questo strano inizio di settembre ,lo hanno comunque appagato. Un velo di tristezza mista forse ad un po’di nostalgia emergono dal suo sguardo attraversando il Salento verso l’aeroporto.

Inizia il nuovo anno scolastico e son dolori per le famiglie:costi altissimi…inizia-la-scuola

I libri per le scuole superiori assorbono quasi uno stipendio, problema che si ripete annualmente e certamente questa e’una delle cause dell’abbandono dello studio, di molti ragazzi.

Ho scoperto, viaggiando, alcuni paesi in cui i testi scolastici, proprieta’dello stato, vengono forniti agli studenti con l’obbligo di restituirli in perfetto ordine alla fine del percorso di studio ,senza alcuna spesa.anno-scolastico-262x278

Che ne dite? potrebbe essere un’idea? Investire sulla cultura non e’ l’unico modo per migliorare un paese?

E per un futuro migliore di tutti i nostri giovani serve una scuola fruibile da tutti i ceti  dando a tutti le stesse opportunita’.

Sara ‘anche questa un’utopia?

Nelle scuole staineriane, i testi sono preparati da ogni insegnante anno per anno ed elargiti , spiegandoli ,ai ragazzi quotidianamente.

Il lavoro e l’ aggiornamento e’notevole e certamente questi professori seguono un percorso filosofico e pedagogico che non e’da tutti

.Pero’

la scuola e l’insegnamento non sono statici, il mondo si evolve e quindi la pedagogia ne deve prendere atto e l’aggiornamento, come in ogni seria professione, e’una necessita’

Ruotano ministri della pubblica istruzione,e, quando annunciano cambiamenti, sovente attuano piu’danni che altro.gruppo_studenti

E anche quest’anno i ragazzi, per risparmiare, cercheranno bancherelle o le librerie dell’usato, presenti  specialmente nelle grandi citta’,per trovare testi a minor prezzo.Spesso ,i libri sono uguali, ma le case editrici,nelle nuove edizioni si sono premurate di modificare gli esercizi…

 E udite udite: al salone del libro di Torino hanno parlato di aprire il mercato e Book nel settore scolastico..

.fiera_del_libro_torino-200x200Ma se nella scuola pubblica i genitori acquistano la carta igienica con una colletta!

Ed il gap tecnologico delle famiglie rispetto alla tecnologia e’marcato!

salone del lbro di Torino

salone del lbro di Torino