E LO CHIAMANO SESS0 DEBOLE ?

Sofia  Mulanovich campionessa di surf

Sofia Mulanovich
campionessa di surf

Stesa sulla sabbia crogiolandomi tra un soffio  d’alito immancabile nel Salento, e tra un piacevolissimo e avvolgente calore , indecisa se continuare pigramente ad assaporare il tutto o a tuffarmi nelle acque corroboranti di un mare  incredibilmente solitario dai colori sfavillanti, ecco arrivare Simona, allora ancora adolescente e perennemente irrequieta. “Vorrei affittare un surf, che dici?”
E che potevo risponderle  se non ricordarle la sua poca esperienza per questo sport avendo solo prese poche lezioni sul lago di Ghirla nel varesotto dove per agitare quelle acque  Eolo, re dei venti, non interveniva mai con i suoi soffi. “Ti prego , le suggerii ,sii prudente e non uscire  da sola  rimani vicino alla battigia”

Ogni qualvolta gettavo lo sguardo, la vedevo andare e tornare , cambiando ottimamente la posizione della vela assecondata dal vento.

Mi appisolai per un po’ girai lo sguardo e la vidi lontanissima quasi al limite dell’ orizzonte per poi tornare verso la spiaggia e ripartire: ripresi quindi la mia lettura  dimenticando il passar del tempo. La luce stava quasi scemando. Non la vedevo più da nessuna parte. Mi prese l ‘angoscia, mi diressi  dall’ unico bagnino  presente della spiaggia accanto, Alberto, chiedendogli di individuarla col suo cannocchiale.”Tranquilla, signora,  sta salutandoci” Era un puntino al limite dell’ orizzonte. Vedendomi visibilmente preoccupata Alberto uscì per andarla a recuperare. Ed infatti,non si sbracciava per salutarci, ma  cercava aiuto incapace di rientrare bloccata da un vento contrario improvviso e malefico, essendo partita da sola…images-2

Immagini e ricordi di un passato riemergono leggendo di Sofia Mulanovich
peruviana di Lima, prima campionessa mondiale già nel 2004 di surf.
Lungo le coste della capitale del Perù le onde raggiungono anche i sei-sette matri di altezza, costanti e pronte da essere cavalcate in ogni periodo dell’ anno.

images-1 Sofia, sbarazzina con muscoli d’ acciaio ha saputo rendere fruibile questo sport a tutte le classi sociali.

Ora vuol trasmettere col suo bagaglio tecnico la volontà di vincere ed un insegnamento di vita costruendo una accademia per giovani. Realizzerà il suo sogno con l’aiuto di Swatch, azienda svizzera di orologi, sponsor benefico per l’ America latina.images-4
Selezionerà ragazzi trovati sulle spiagge tra i dieci e i quindici anni.
“Se io credo in questi ragazzi loro poi crederanno in se stessi, è chiaro che sarei felice di scoprire dei fuori classe; prima che campioni, io voglio che diventino delle buone persone.”
Sulla scia della regina dell’ acqua concetti importanti cavalcando le onde di Lima!!!

SOFIA  MULANOVICH

SOFIA MULANOVICH

A BIBI e BIBO

foto-1

BIBI, BIBO' con me nel deserto egiziano

BIBI, BIBO’
con me nel deserto egiziano

                           BIBI    BIBO ovvero IMG00400-20110721-1625

SIMONE  e TOMMASO Arrivano  ormai annualmente in aereo,accompagnati dalla hostess. Io li aspetto all’areoporto di Brindisi ed è già un divertimento ascoltarli. “Durante il volo avete mangiato qualcosa?” Certo” ad unisono “noccioline salatini e cocacola”. E via col taxi verso il villaggio Serra Alimini. Alla velocità della luce e, appena a casa, infilato costume, ciabatte e , asciugamano sulla spalla e in men  che non si dica, spariscono sotto le onde. Il primo rito mattutino.  Con le bici, vanno nella piazzetta per acquistare latte, pane e giornale. A volte si buca la borsa di plastica e addio alle monetine di resto. Ma sicuramente partono e arrivano insieme. E assieme giocano  con le bocce , assieme  vanno a rivedere i pochi resti arrugginiti di una nave  che ancora emergono dalla sabbia, chiedendosi se un tesoro potrebbe esserci da qualche parte. Assieme giocano a pallone ,assieme mi coinvolgono nei loro racconti con molta allegria, assieme mangiano avidamente qualsiasi pietanza propongo loro. Assieme stanchi salgono, giunta la sera, sui loro letti a castello  e dopo il rito della buona notte entrambi con un libro e le palpebre cadenti mi dicono “Buona notte”  e “domani vorremmo fare lezione di surf”.