ADDA PASSA’ A’ NUTTATA!

images-3Un formaggio mescolato a mascarpone arrivato sulla tavola dopo un mio acquisto irresponsabile è certamente la causa di una notte insonne. O forse il cambio dell’ ora può aver sbarellato il mio equilibrio?images-5 Chissà …Occhio sbarrato in attesa dello scorrere del tempo . Mi alzo furtivamente, non cerco nemmeno le pantofole per non disturbare i fortunati dormienti della famiglia. Mi dirigo in cucina,  con movimenti lentissimi apro i mobiletti evitando qualsiasi improvviso,  non sia mai, sporadico cigolio alla ricerca di una bustina di camomilla. Inserisco nel microonde la tazza con l’ acqua programmo un minuto ed ecco allo scoccare del tempo il trillio dell’elettrodomestico, mi auguro senza destar nessuno, mi invita a recuperare il liquido per diluire  con un goccio di limone il prezioso nettare che mi aiuterà a riportarmi nel mondo dei sogni. images-6 Niente da fare , non mi resta che  leggere  l’ultimo libro  sul Kindle accoccolata sul divano. La scrittura è accattivante, ma l’argomento si snoda narrando le peripezie di un marito, tra una moglie affettuosa e sempre presente ed accomodante e la capacità di questo bell’ imbusto a destreggiarsi nel trovare scorci per convolare amorevolmente con una giovanissima e coinvolgente amante, ovviamente in un momento critico della sua vita… Non mi rilasso. Vorrei accendere la televisione, ma ricordo di aver dimenticato chissà dove le cuffie, non posso far rumore. images Il cielo inizia ad albeggiare, dalla finestra del salone vedo illuminato l’ ultimo piano del “pirellone” con luci intermittenti per evitare il ripetersi del drammatico contatto con un aereo di qualche anno fa. E mi sovviene, in quel periodo  in vacanza in Messico, di aver acceso la televisione per informarmi dei programmi di quel paese e di aver visto simultaneamente l’ incidente accorso  a Milano. Da qui spiccano irradiate e ben visibili tutte le costruzioni  altissime in zona Porta Nuova  divenute proprietà degli arabi, ma questa è un ‘ altra storia. I rumori della città che si risveglia risuonano via via aumentando accompagnati da un cielo incredibilmente terso con striature azzurrine mescolate a pennellate rosacee.images-1images-2 < Sei già alzata? > mi chiede Antonella ancora assonnata,< Ti ho svegliata io?> si preoccupa. L’ abbraccio e le dico < Buon Giorno>

CAMICIE CAMICIE CAMICIE E COLORI

Matteo Renzi premier in maniche di camicia

Matteo Renzi premier
in maniche di camicia

Tempi che furono?

Era impensabile , una volta, offrirsi pubblicamente in maniche di camicia.”Giacca e cravatta, mi raccomando”, era il diktat per  per incontri di affari, di lavoro, per il rispetto al medico a cui ci si rivolgeva. Camicie intonate al vestito e a seconda del momento si spaziava dal bianco, all’azzurrino, ai quadrettini, ma queste riservati prevalentemente ai creativi. Qualche rigato lentamente col tempo si accompagnava a tessuti sportivi.

il premier Matteo renzi

il premier
Matteo renzi

Ora, il nostro capo di governo, giovane, simpatico, aitante, Renzi, ha ufficializzato il presentarsi in maniche di camicia bianca. In televisione, si sa, il bianco allarga, ma il nostro attuale presidente del consiglio, alto e snello, può pubblicamente apparire anche arrotolando le maniche ed illustrandoci con le moderne tecnologie, i suoi programmi per risollevarci dalla crisi in cui siamo sommersi. Il bianco dà luce e la sua camicia sarà un segno premonitore positivo?images-4

Il nostro giovane premier si sarà ispirato ad Obama importantissimo presidente degli Stati Uniti Americani?

Obama in camicia bianca

Obama in camicia bianca

Anche questi, sovente , appare in pubblico in maniche di camicia bianca.

Il bianco, si spera, sarà di buon auspicio.

Garibaldi-180x300Il rosso delle camicie fu un emblema per i garibaldini e per l’ unità d’ Italia. L’ eroe dei Due Mondi, in Argentina adottò uniformi rosse contro la dittatura dopo aver acquistato a prezzi di saldo, le tuniche dei macellai: questo colore mimetizzava il rosso della macellazione.Il dottor Giuseppe Basile assiste il Generale Garibaldi ferito a

E’ un colore ben visibile e sarà emblema di coraggio.

Il partito Nazionale Fascista aveva come divisa la camicia nera e i membri della Milizia, erano appunto noti come <camicie nere>.

Il nero è antropologicamente il colore della morte e del lutto e quindi indossandolo lo si esorcizza. I reparti d’assalto durante la Grande Guerra, indicavano così il loro coraggio e il loro valore e ardimento?guerra22

I mass media, così identificano i partiti politici: il bianco per i democratici, il rosso per le sinistre, il nero per il Partito Nazionale Fascista;220px-Squadristi_veneti

il verde per gli agrari, il marrone per la classe operaia.

E gli studiosi di psicologia segnalano l’influenza e i messaggi dei colori nella nostra cultura occidentale. Espressioni come”verdi d’ invidia”, “conto in rosso”, “nero d’ umore” esprimono stati emotivi.images-1

Il bianco indica purezza, stile, è positivo, riflette al 100% i raggi solari ed è la somma di tutti i colori. Indica ricchezza e appartenenza a strati sociali elevati.small_140907-172819_To070914Pol_043-e1410180907694-300x227

Il rosso comunica pericolo ed allarme, ci ricorda il sangue ed ha una connotazione di allerta.054

il nero è sobrio e raffinato, simbolo di autorità, potere e nella moda fa apparire più magri; e i preti con questo colore denotano la sottomissione a Dio, e le donne indossandolo, accettano più facilmente di essere sottoposte agli uomini…images-2

E’ anche il colore della notte e quindi del male…images-3

 

E LA CHIAMANO ESTATE…QUEST’ESTATE…

Sono nel varesotto, paesaggio collinare con annesso laghetto

pioggia tristadodici gradi ,coperta di lana  sul letto, cielo plumbeo, anche oggi  scrosci violenti

di pioggia.bimbo sotto la pioggia

E la chiamano estate?

Questo succede nel Settentrione d’Italia.

Temporali violentissimi, trombe d’aria si susseguono. E’ ormai certo: emissioni di gas e deforestazione di aree urbane, stanno modificando il clima.

Tra un nuvolone cupo e un misero sprazzo di azzurro, il sogno di mezza estate

si infrange con una umida  realta’

La calura che invade anche le zone d’ombra, l’aria imbalsamata, la luce intensa che acceca…sono solo sogni

di una estate che non c’e’ piu’…IM000727.JPG

Un tempo in televisione compariva puntualmente  ogni sera prima del telegiornale, il generale Bernacca. E, con le sue previsioni del tempo, gli italiani

familiarizzarono con le isobare e seguendo la sua bacchetta scoprirono dove fossero le Azzorre. Aveva un linguaggio chiaro e comprensibile pur occupandosi di meteorologia.

Ora riceviamo da ogni canale informazioni tecniche di ogni tipo.

L’anticiclone delle Azzorre sembra distrarsi frequentemente, non e’ piu il protagonista delle nostre estati mediterranee.

Il clima ha un sapore decisamente autunnale.pioggia3

E la chiamano estate…quest’estate…1522828

DOVE E’ FINITA LA SCUOLA

leggere, leggere

leggere, leggere

Se vi capita,soffermatevi e guardate un giochetto trasmesso al pomeriggio nella nostra televisione nazionale. Pare seguitissimo perchè ognuno  può misurarsi nel rispondere alle varie domandine. La cosa più esilerante  e stupefacente , ma per me quasi drammatica, è il vedere che sovente i concorrenti, adulti, studenti, alcuni laureati, zoppicano senti senti sul sette per otto.Va be, penso, ormai le nuove generazioni, avendo a disposizione calcolatrici possono dimenticare le tebelline; ma i congiuntivi… la geografia…”Loano è al sud d’Italia…la storia…Drammatiche carenze. Lacune elementari, non sono dimenticanze, e nemmeno è in gioco l’emozione. Certe nozioni, se imparate e insegnate…rimangono come saper andare in bicicletta! Ma penso con amarezza a molti insegnanti impegnati seriamente nella nostra scuola ,mal pagati e perennemente bistrattati.Ricordo frasi di alcuni nostri politici”la cultura non paga”L’esaltazione del dio denaro ,del tutto subito e in fretta. Ora sembra   che ci sia una svolta: la scuola in primo piano e sopratutto  serie preparazioni . Sarà vero?